25 giugno 2021
Aggiornato 03:30
Smaltimento dei rifiuti della città di Crotone

«A Crotone rispettare gli Ambiti Territoriali Ottimali»

Lo ha dichiarato la Senatrice del Partito Democratico, Dorina Bianchi

«Che l’ampliamento della discarica di località Columbra sia destinato allo smaltimento dei rifiuti della sola città di Crotone e del suo territorio provinciale per evitare di far esplodere l’ennesimo caso intorno alla gestione dei rifiuti in Calabria». Lo ha dichiarato la Senatrice del Partito Democratico, Dorina Bianchi.

«Da tempo – ha avvertito la Senatrice - la discarica di località Columbra è al centro delle preoccupazioni dei cittadini di Crotone che manifestano contro l’eccessivo utilizzo della stessa e per la vicinanza della discarica con alcuni quartieri della città.

«Gli ambiti territoriali ottimali poi – ha proseguito - a Crotone non sono stati finora rispettati e questo per una città che soffre di gravi problematiche ambientali è deleterio»

«Nella discarica di Columbra il peso maggiore da sopportare è dovuto allo smaltimento dei rifiuti della provincia di Cosenza – ha aggiunto la rappresentante del Partito Democratico - che non ha ancora provveduto a rendere operativo nel suo territorio un sito adeguato alle sue esigenze e questo – ha affermato - nonostante dal 2002 in provincia di Cosenza, nel comune di Celico, esista una discarica privata autorizzata, ad oggi mai entrata in esercizio, utilizzabile nelle more della realizzazione delle volumetrie necessarie a soddisfare la necessità di smaltimento rifiuti nella provincia cosentina» .

«Appare evidente dunque che oggi più di ieri – ha concluso – in Calabria si deve non solo garantire la capacità di autosufficienza dei territori nello smaltimento dei rifiuti, imponendo garanzie di rispetto delle norme in materia di smaltimento, ma anche che sia incentivato il sistema di raccolta differenziata, meccanismo virtuoso ancora troppo poco realizzato».