16 ottobre 2021
Aggiornato 04:30
«Chiediamo più competenze»

Federalismo, Pedrale (FI): «Debole la proposta di Bresso»

«Il Piemonte deve osare di più, reclamando un ruolo di maggiore rilievo a livello nazionale»

«Il Piemonte deve osare di più, reclamando un ruolo di maggiore rilievo a livello nazionale». Così ha affermato Luca Pedrale, vicecapogruppo regionale di Forza Italia, durante la discussione in aula sul federalismo differenziato.

«Il documento presentato dalla Giunta è troppo tiepido – sostiene l’esponente azzurro – i cittadini piemontesi, come abbiamo riscontrato con varie indagini sul territorio, chiedono un’autonomia regionale più incisiva e non un federalismo annacquato. Per questo abbiamo presentato emendamenti aggiuntivi che ampliano in modo consistente le competenze regionali esclusive. A cominciare dai poteri in materia di organizzazione degli uffici dei giudici di pace, allo scopo di rendere più snella e veloce la macchina burocratica. Chiediamo inoltre competenze piene in campo sanitario, maggiore possibilità di cooperazione transfrontaliera, più autonomia alla Protezione civile per intervenire prontamente nella gestione delle calamità naturali e la possibilità di riordino del sistema della comunicazione locale, attualmente non valorizzata a sufficienza.

Pedrale ha ribadito la necessità di rafforzare i poteri regionali anche a livello di gestione del credito, affinché sia offerta più attenzione alle piccole e medie imprese locali, grande ricchezza economica per il territorio, le cui necessità non incontrano tuttavia gli interessi dei grandi istituti di credito globalizzati.
«Vorremmo infine – ha proseguito Pedrale – che il Piemonte sapesse «giocare alla pari» nei confronti dei grandi gruppi industriali attivi sul nostro territorio, affinché gli impegni presi vengano rispettati e non sacrificati a favore delle strategie aziendali. Infine, proponiamo per i lavoratori dipendenti contratti di lavoro regionali, che permettano di fronteggiare il costo della vita, che in Piemonte è più alto rispetto a molte altre Regioni».