24 settembre 2021
Aggiornato 08:30
Tecnologia

Lo sport e il 5G: amore e odio

Il 5G è una tecnologia che si sta sempre più diffondendo per innovare specifici settori. Da questo non viene escluso lo sport, che potrà giovarne su alcuni aspetti

Rete 5G
Rete 5G Pixabay

Il 5G è una tecnologia che si sta sempre più diffondendo in varie città del mondo. La quinta generazione di reti mobili potrà garantire un’affidabilità elevata per supportare l’alto numero di dispositivi e sensori connessi. Essa fornirà una connettività stabile e ad alta velocità, con una bassa latenza che consentirà lo scambio in tempo reale di una grande mole di dati. La sperimentazione può essere considerata quasi terminata e molte aziende hanno già pensato ai possibili utilizzi di questo tipo di connessione per innovare specifici settori. Da questo non viene escluso lo sport, che potrà giovarne su alcuni aspetti. Partendo da chi lo pratica, un incremento di prestazioni riguarderà il settore dei dispositivi wearable: grazie ad una maggiore precisione riguardo alla posizione dell’utente, ad una comunicazione istantanea con gli oggetti circostanti e ad una diffusione immediata dei dati sui propri dispositivi potremo avere un’analisi accurata dell’attività e dello stato fisico dell’atleta.

L’utilità di questa connessione non sarà riservata solo a chi pratica sport ma anche agli appassionati. Non è un caso che la prima volta in cui il 5G venne utilizzato durante una manifestazione pubblica è stata per le Olimpiadi invernali di PyeongChang in Corea del Sud.

Le aziende più attive hanno già pensato a degli accordi con le varie leghe calcio per realizzare applicazioni mobile dedicate agli eventi sportivi. Si tratta di software che consentono di ricevere in tempo reale il replay delle azioni, le specifiche di ogni singolo giocatore e le statistiche sulla prestazione (velocità media, chilometri percorsi, passaggi e tiri effettuati) inquadrando durante una partita vista allo stadio il campo di gioco e cliccando sullo schermo del proprio device il giocatore desiderato.

I videogiochi, denominati eSports, sono ormai da comprendere sotto la categoria «Sport»; a causa della loro rapida espansione, le aziende potranno sfruttare tutta le possibilità offerte dal 5G per rendere i videogiochi sempre più coinvolgenti, utilizzando la realtà virtuale per riprodurre ambienti reali nelle case di ogni giocatore. E’ opportuno però fare una precisazione: nonostante i videogiochi risultino sempre più veritieri, essi rimangono qualcosa di distante dalla realtà. Un obiettivo importante riguarderà la sensibilizzazione dei gamer, soprattutto dei ragazzi, per non distogliere mai lo sguardo dal mondo concreto e per non perdersi dentro ad un videogioco. L’innovazione colpirà anche il mondo del gioco d’azzardo online e qua potrebbero arrivare i problemi seri. La prevenzione di queste dinamiche sarà incaricata agli operatori digitali che fruiscono i giochi, come ad esempio l’operatore PlanetWin365, allo stato o al buon senso delle persone?