29 settembre 2020
Aggiornato 13:00
Informatica

Nuovo assetto azionario per Engineering

Accelera la strategia di crescita come polo della digitalizzazione. Obiettivo: contribuire a consolidare il ruolo che il Paese merita anche nel settore digitale

Michele Cinaglia, fondatore Engineering e Paolo Pandozy, Ceo Engineering
Michele Cinaglia, fondatore Engineering e Paolo Pandozy, Ceo Engineering Ufficio Stampa

ROMA - Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. («Engineering»), congiuntamente a NB Renaissance Partners («NBRP»), società dedicata agli investimenti di private equity in Italia, parte di Neuberger Berman, e Bain Capital Private Equity («Bain Capital») annunciano di aver siglato l’accordo vincolante di compravendita del 100% delle quote, che definisce per il Gruppo un nuovo assetto azionario. L’operazione vede NBRP e i fondi gestiti da Apax Partners (i «Fondi Apax»), che da aprile 2016 detenevano la maggioranza del capitale sociale, vendere interamente le quote detenute nella Società; NBRP liquiderà la sua partecipazione per investire ancora nella Società attraverso nuovo capitale da fondi diversi, congiuntamente con il nuovo azionista Bain Capital.

A seguito dell’operazione il nuovo assetto societario vedrà NBRP e Bain Capital detenere congiuntamente il controllo della società, affiancati da un re-investimento da parte del senior management e in particolare dell’Amministratore Delegato Paolo Pandozy, a cui gli azionisti per il conseguimento di una continua e robusta crescita hanno confermato la fiducia affidandogli la guida del Gruppo verso nuovi decisivi traguardi. Il fondatore Michele Cinaglia continuerà a mettere a disposizione della Società la sua grande esperienza e forte leadership.

Finanziata da tutte le maggiori banche italiane, incluse Banca IMI/Intesa Sanpaolo, Unicredit e altre che dovrebbero entrare al closing, così come dalle maggiori banche europee (BNPP, Credit Suisse e Deutsche Bank), l’operazione punta a rafforzare il ruolo di sistema assunto dal Gruppo Engineering sia sul fronte dell’innovazione, sostenuta da ingenti capitali destinati alla Ricerca&Sviluppo, sia sul fronte dell’aggregazione di numerose eccellenze tecnologiche italiane. Queste, come dimostrato dalle numerose acquisizioni già effettuate, attraverso l’ingresso nel Gruppo, trovano competenze per raggiungere nuovi livelli di evoluzione, nonché forza commerciale per crescere sia a livello nazionale che internazionale.
Il closing dell’operazione, soggetto al soddisfacimento delle condizioni sospensive, è previsto entro la fine di aprile.

Alcune dichiarazioni

Michele Cinaglia, fondatore e Presidente di Engineering ha dichiarato: «Nel corso del 2020 celebreremo i 40 anni di storia di Engineering. In questi decenni abbiamo sempre avuto ben chiara la nostra missione: accompagnare il Paese attraverso l’evoluzione tecnologica stando sempre un passo avanti grazie al costante reinvestimento dei capitali in azienda e alla cura e formazione dei nostri dipendenti, oggi ben oltre 11.000, che rappresentano per competenze e affidabilità il principale asset del Gruppo. Per loro, in particolare, sono felice di poter confermare grazie all’intesa con tutti gli azionisti, la decisa continuità di guida e strategia che, sono certo, offrirà ancora moltissime possibilità di crescita su tutti i livelli, di business, professionali e umani».

Paolo Pandozy, CEO di Engineering, ha aggiunto: «Ringraziando Apax Partners per il fattivo supporto e l’importante lavoro svolto in questi anni, siamo lieti di dare il benvenuto in qualità di nuovo azionista a Bain Capital che, insieme a NBRP - che ha sempre pienamente compreso le nostre strategie supportandoci - ha voluto affiancarci nel nostro progetto di crescita e di sistema. Viviamo un’epoca in cui ogni settore, ogni azienda fino a ogni singola persona nei diversi ruoli di lavoratore o cittadino, dipende sempre di più dalla tecnologia. Questo apre continue e complesse sfide sul fronte della competitività, della sicurezza, dell’etica. L’Italia già esprime moltissime straordinarie eccellenze che Engineering, unitamente alle proprie competenze interne in continua crescita, è pronta ad aggregare per contribuire a consolidare, anche a livello internazionale, il ruolo che il nostro Paese merita anche nel settore tecnologico e digitale».

Gabriele Cipparrone, Partner di Apax Partners, ha dichiarato: «Engineering ha una posizione di leadership nel mercato dei servizi IT. Quattro anni fa abbiamo individuato l'opportunità di sfruttare la nostra significativa esperienza nei Servizi IT per aiutare Engineering ad accelerare la crescita. L'azienda ha messo a frutto il suo potenziale concentrandosi sulla crescita organica e per acquisizioni. Desideriamo ringraziare Paolo e il suo team per la forte partnership e per tutto ciò che hanno realizzato. Auguriamo loro il meglio per il futuro».

Stefano Bontempelli (Senior Partner) e Fabio Canè (Senior Partner) di NBRP hanno dichiarato: «Siamo grati a Michele Cinaglia per averci scelto e per il percorso di crescita di successo realizzato insieme negli ultimi quattro anni. Siamo riconoscenti anche per il continuo supporto che è intenzionato a dare a Engineering in questa nuova fase di sviluppo dell’azienda».

«Il Gruppo Engineering è un attore chiave nella digitalizzazione, che grazie alle competenze, alla sua affidabilità e capacità di innovazione ha saputo costruire una relazione forte con i propri clienti, e una solida reputazione», ha dichiarato Luca Bassi, Managing Director di Bain Capital Private Equity. «Crediamo che il Gruppo Engineering abbia il potenziale per crescere ulteriormente in un mercato ancora molto frammentato, sia organicamente che attraverso acquisizioni, e non vediamo l'ora di collaborare con il management team e Neuberger Berman per accelerare questo processo, come abbiamo fatto in altre aziende tecnologiche italiane, come Teamsystem, Nexi e Cerved».

Per Engineering l’intera operazione sul fronte legale, fiscale e finanziario è stata seguita dai dipartimenti interni coordinati dal CFO Armando Iorio. PWC ha invece curato la Vendor Due Diligence (Financial and Tax) e lo studio legale Accinni, Cartolano e Associati ha agito come advisor del management team. Nella vendita i fondi Apax e NBRP sono stati assistiti da Rothschild & Co. in qualità di advisor finanziario.