17 ottobre 2019
Aggiornato 13:01
innovazione

Makers e innovatori, a Milano arriva anche la fabbrica delle startup di Luiss

Apre le porte “Milano Luiss Hub for makers and students”, il nuovo spazio polifunzionale dedicato alla creatività e alla manifattura digitale

MILANO – Continua, con un «colpo» dopo l’altro l’ascesa del capoluogo lombardo, sempre più polo di innovazione, impresa e business. Pochi giorni fa ha, infatti, aperto le porte «Milano Luiss Hub for makers and students», il nuovo spazio polifunzionale dedicato alla creatività e alla manifattura digitale, allo sviluppo d’impresa, all’alternanza scuola-lavoro, alla cultura dell’innovazione. Un progetto nato dall’impegno congiunto di Comune di Milano, Luiss, Fondazione Brodolini e ItaliaCamp. La nuova struttura si trova in via Massimo D’Azeglio 3, a pochi passi dalla stazione Garibaldi, ed è stata ricavata all’interno di un’ex area industriale di circa 1.600 metri quadri, dismessa e in disuso da anni, restaurata, recuperata e riconsegnata alla collettività dopo 16 mesi di lavori.

L’amministrazione comunale ha erogato un contributo di 547mila euro, di cui 447mila per i lavori strutturali e 100mila euro per le attrezzature, e esentato i gestori dal canone d’affitto per i primi 4 anni di attività.

«Il primo tema – ha osservato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala  – è che questo è uno spazio straordinario, frutto di una rigenerazione urbana, che è la nostra filosofia. Poi c’è una perfetta collaborazione pubblico-privato. Avviene a Milano perché qui i privati ci sono, hanno volontà, e spero che si fidino più che altrove della capacità della politica di stare al loro fianco. Vogliamo inoltre essere la città dell’innovazione e dei giovani che è un’altra nostra stella polare fondamentale».

L’hub ospiterà oltre mille studenti di 23 licei lombardi, che vivranno la propria esperienza di alternanza scuola-lavoro a pochi passi dalle circa 30 startup che saranno ‘accelerate’ nei 280 mq dedicati alla «Startup factory» di LUISS Enlabs, dai 160 metri quadrati di laboratorio del FabLab e dalla Teca, l’area dedicata agli eventi aperti alla cittadinanza e al pubblico esterno. Gli spazi dell’Hub, utilizzati da studenti, makers e startupper, sono dotati di tecnologie per favorire i progetti di formazione 4.0 e la diffusione di una cultura dell’innovazione. Sono presenti lavagne digitali per i giovani liceali e impianti di videoconferenza per il lavoro e l’apprendimento sul posto o da remoto. Il tutto senza bisogno di interventi tecnici, grazie ad un impianto di domotica di ultima generazione.