2 marzo 2024
Aggiornato 16:30
marketing

I negozi italiani non sono su Google e questo è un gran problema

Solo il 40% dei negozi è rintracciabile sulle mappe degli smartphone. L'indagine condotta da Instilla rileva che le catene di negozi italiani hanno scarsa operatività con Google e con i meccanismi SEO

MILANO - Mai come oggi ristoranti, supermercati, negozi di ogni tipo si cercano direttamente sulle mappe accessibili da qualunque smartphone. In Italia però molte grosse aziende non sfruttano le potenzialità della rete, perdendo così l’opportunità di attrarre nuovi clienti. Uno studio edito da Instilla ha analizzato 42 grandi catene (27.900 negozi) e scoperto che solo il 40% di loro hanno investito in questa nuova tecnologia.

I negozi italiani non si trovano sul web
Il report realizzato da Instilla, agenzia di SEO e conversion marketing, nel mese di dicembre su 27.690 store di 42 catene sparse in tutta Italia ha dimostrato che la Local SEO (acronimo di Local Search Engine Optimization, ovvero tutte quelle azioni necessarie a far trovare un luogo o un esercizio commerciale sulle mappe degli smartphone quando si cerca per esempio «supermercato» o «centro commerciale milano») non è sfruttata appieno nel panorama italiano. Il 60% dei negozi e delle catene analizzate, infatti, non ha effettuato le operazioni necessarie per rendersi visibile online e rispondere in maniera adeguata alle ricerche locali degli utenti.

Si perde un sacco di fatturato
È praticamente impossibile calcolare la perdita di fatturato dovuto a questo mancato adeguamento dei siti alle tecnologie esistenti ma di sicuro si tratta di una perdita consistente se si pensa che nel 2015 gli utenti italiani hanno effettuato 700 milioni di ricerche da smartphone e altri dispositivi mobile e che l’86% di queste aveva l’intento di trovare prodotti o servizi nella propria zona. La scarsa ottimizzazione di siti e degli account Google MyBusiness di queste aziende nel concreto non permette di intercettare i milioni di ricerche degli utenti con intento locale. E tutto ciò si traduce inevitabilmente in scarsa visibilità online e minore fatturato potenziale. «L’utente mobile è un utente «che si muove» e deve ottenere il risultato più utile nel minor tempo possibile - spiega Alessandro Manzi, SEO specialist di Instilla -. Per questo motivo i motori di ricerca devono mostrare risultati situati nelle vicinanze dell’utente o nell’area geografica che l’utente è intenzionato a visitare».

Solo 9 aziende su 42 usano bene Google MyBusiness
Uno degli errori più comuni commessi dalle aziende consiste nell’inadeguata gestione del proprio account Google MyBusiness, servizio che permette ad aziende e professionisti di mostrare la propria attività sulle mappe di Google (con annessa una relativa scheda informativa). L’analisi mostra infatti che solo 9 delle 42 aziende analizzate hanno effettuato le operazioni necessarie per ottimizzare la propria scheda, compilandola con le informazioni locali rilevanti (orari di apertura, indirizzo, numero di telefono, ecc.). Risulta quindi che le catene analizzate non sfruttano appieno i benefici della Local SEO, grazie alla quale riuscirebbero a trarre vantaggio dalle ricerche locali aumentando così la propria presenza online e di conseguenza i potenziali clienti.

Anche le startup hanno siti poco funzionanti
La bassa digitalizzazione delle catene d’Italia era emersa anche nel report Startup SEO, sempre realizzato da Instilla nel mese di aprile 2016. Qui era emerso che, su 10 siti di startup italiane, 3 non sono funzionanti. Tra gli elementi analizzati vi erano in particolare la velocità del sito web, la responsiveness (ovvero la capacità del sito di adattarsi graficamente a un dispositivo mobile) e una serie di altri elementi on-site in grado di impattare sul posizionamento del sito tra i risultati di ricerca.