5 aprile 2020
Aggiornato 03:30
startup

Cresce il crowdfunding in Italia, ma non si pensa ancora all'estero

Solo il 12% delle piattaforme di crowdfundig si rivolge al mercato estero. In Italia sono stati finanziati progetti per oltre 56 milioni di euro

Il crowdfunding in Italia
Il crowdfunding in Italia Shutterstock

ROMA - Sono sempre più le startup che scelgono di finanziare i loro progetti grazie al crowdfunding, ovvero quel sistema di finanziamento collettivo che permette di trasformare una buona idea in un vero progetto, abbattendo le barriere tradizionali della raccolta di capitali. La crescita, peraltro, è confermata dalla ricerca «Crowdfunding in Italia», secondo cui rispetto al 2014 si nota un aumento pari al 68%: le piattaforme, inoltre, crescono per differenziazione e non per imitazione.

Le piattaforme di crowdfunding crescono
Al 31 dicembre 2015 si contavano, infatti, ben 82 piattaforme di crowdfunding in Italia, 69 attive e 13 in fase di lancio. Il 45% delle piattaforme si fonda su modello di Ricompense: seguono le Donazioni e l’Equity, entrambe al 19%. A livello geografico, la maggior parte delle piattaforme di crowdfunding è collocata nell'Italia settentrionale (26 sedi legali e 33 operative); un ruolo di rilievo ricopre la città di Milano, sede legale di 16 piattaforme e sede operativa di 18. Nel Centro Italia sono collocate 7 sedi legali e 9 sedi operative; nel Sud Italia si registrano 5 sedi legali e 3 sedi operative.

Vince il mercato nazionale
Si tratta di un sistema che, peraltro, costituisce un’ottima opportunità lavorativa in quanto le piattaforme di crowdfunding italiane danno lavoro a 249 persone, con una media di 5,7 lavoratori per piattaforma. Mediamente, all’interno delle piattaforme lavorano 1,5 dipendenti, 2,1 collaboratori stabili e 2,1 collaboratori occasionali. A livello di operatività prevale il mercato nazionale su cui sono incentrate il 73% delle piattaforme: purtroppo solo il 12% si rivolge al mercato estero (8% al mercato europeo e 4% al mercato extra-europeo). Il che, a livello di scalabilità dei progetti lascia alquanto a desiderare. Ogni impresa, sia essa una startup innovativa o una piattaforma di crowdfundig, deve necessariamente rivolgersi anche al di fuori dei propri confini nazionali.

Finanziati progetti per oltre 56 milioni euro
In Italia il valore complessivo dei progetti finanziati attraverso le piattaforme intervistate è pari a quasi 56,8 milioni di euro, con un aumento dell’85% rispetto ai 30,6 milioni di euro rilevati a maggio 2014. Prevalgono le campagne creative e culturali (37%) e sociali (34%), quelle imprenditoriali si fermano al 20%. Secondo il Report le tendenze di crescita nel 2016 saranno rivolte principalmente alle campagne imprenditoriali, civiche e immobiliari, mentre subiranno una diminuzione i progetti di matrice culturale e sociale.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal