31 ottobre 2020
Aggiornato 17:00
startupper alla riscossa

Open Acceleretor, il primo programma per l'innovazione farmaceutica

E' il primo programma di accelerazione completamente italiano che riguarda la somministrazione, il rilascio di farmaci, le tecnologie per la prevenzione e il trattamento delle patologie

BRESSO - Un bando per l’innovazione farmaceutica è stato indetto da ZCube, Research Venture del gruppo farmaceutico Zambon. Un’opportunità per ricercatori, scienziati e aspiranti imprenditori che potranno presentare le proprie idee innovative nell’ambito farmaceutico fino al 30 aprile. Il progetto si chiama Open Accelerator ed è il primo programma di accelerazione completamente italiano che riguarda la somministrazione, il rilascio di farmaci, le tecnologie per la prevenzione e il trattamento delle patologie. Le sei idee migliori saranno premiate con 100.000 euro a progetto, per un totale di 600.000 euro complessivi.

Il programma di Open Accelerator
Dopo una prima scrematura saranno 20 i progetti che potranno accedere al programma vero e proprio. I progetti innovativi dovranno riguardare necessariamente 4 aree tematiche. Drug delivery system ovvero tecnologie innovative per la somministrazione di farmaci che garantiscano il rilascio controllato e mirato all’interno dell’organismo. Wearables: tecnologie indossabili per malattie croniche. Open source prototyping, cioè piattaforme tecnologiche e innovative quali dispositivi diagnostici professionali e applicazioni biometriche avanzate. Big data: soluzioni innovative per la riduzione dei costi sanitari attraverso diagnosi più efficaci e l’individuazione di farmaci personalizzati.

Sei finalisti su cui investire
Il percorso di accelerazione sarà ospitato nel campus Open Zone di Bresso (Milano), un’area scientifica in cui le idee sono condivise tra più partner del settore Life Science. La call è aperta fino al 30 aprile. Affrettatevi. I finalisti saranno sei e su questi potranno partire gli investimenti.