25 settembre 2020
Aggiornato 18:00
avvisa sui posti di blocco

Waze, l'app che ti evita il traffico e trova il percorso migliore

Waze ti permette, grazie all'interazione con la comunità, di calcolare il migliore itinerario possibile. Tiene conto dei posti di blocco, degli incidenti e degli incolonnamenti

ROMA - Alzarsi un’ora prima al mattino perché la strada è trafficata e abbiamo paura di incontrare coda e, di conseguenza, arrivare tardi al lavoro. Quante scorciatoie prese per evitare gli incolonnamenti, rischiando persino di perderci tra gli incroci e i sensi unici della città. Il traffico è fattore di stress psicologico e fisico, soprattutto quando lo dobbiamo affrontare ogni mattina e ogni sera di ritorno dall’ufficio. Per fortuna che c’è Waze, l’app di navigazione che ti permette di evitare gli incolonnamenti grazie all’interazione con la comunità (cioè con coloro che il traffico lo devono affrontare tutti i giorni, proprio come te).

Cos’è Waze
Immaginate a un mondo di automobilisti che, per strada, collaborano assieme per ottenere un beneficio comune: raggiungere l’ufficio senza ritardi (e senza rimproveri del capo) e tornare a casa percorrendo l’itinerario migliore che evita tutte le zone trafficate e fa risparmiare un sacco di tempo. Questo è Wase che - dice il l’Head Of Growth di Wade Europa Carlos Gòmez - funziona eccezionalmente bene quando il traffico è orribile: «Nasciamo per questo: aiutare le persone a evitare il traffico e muoversi meglio, e la comunità diventa forte dove c’è una situazione difficile. In città come Parigi, Roma e Milano siamo molto utilizzati».

I vantaggi di Waze
L’utente entra a far parte di una vera e propria comunità dove è lui stesso a fornire informazioni ad altri utenti e a riceverle. E’ così possibile essere avvisati di un posto di blocco nelle vicinanze, di incidenti in tangenziale, di pericoli o rallentamenti. E tutto questo avviene grazie alla condivisione delle informazioni da parte degli altri automobilisti. Inoltre, il sistema di mappe quotidianamente aggiornato, permette di sapere in tempo reale tutti cambiamenti avvenuti nella zona frequentata, consentendo quindi di calcolare gli itinerari più convenienti per tutta la comunità. Insomma, è un po’ come guardare avanti sulla nostra strada e predire se ci sarà o meno un incolonnamento. Tramite Facebook, poi, è possibile visualizzare gli amici che si stanno dirigendo nella nostra stessa direzione e quindi coordinarsi al fine di scegliere il percorso migliore o dare semplicemente un passaggio.