25 gennaio 2020
Aggiornato 22:00
Siglato accordo di licenza

Apple pace fatta con Ericsson

Cupertino pagherà per i brevetti di iPhone e iPad. Le due aziende hanno inoltre deciso di lavorare insieme allo sviluppo degli standard per i cellulari di nuova generazione 5G e per l'ottimizzazione delle reti esistenti.

NEW YORK - Pace fatta tra la svedese Ericsson e Apple sui brevetti. Le due società, che si erano reciprocamente accusate di violazioni di royalty, hanno siglato un accordo di licenza globale che mette la parola fine a un contenzioso che durava da quasi un anno.
Ericsson ha fatto sapere che l'accordo con il colosso di Cupertino durerà sette anni. Apple verserà una somma iniziale, non specificata, e quindi procederà con il pagamento di royalty. I dettagli dell'intesa sono riservati, ma la notizia di un accordo ha fatto balzare più del 7% il titolo di Ericsson. «Un accordo al di fuori delle aule di tribunale è sicuramente la via che prediligevamo», ha detto Kasim Alfahali, responsabile della proprietà intellettuale di Ericsson.

Svilupperanno insieme lo standard 5G di nuova generazione
Come si legge in una nota di Ericsson, l'accordo include licenze trasversali che coprono brevetti sulle tecnologie standard essenziali di entrambe le società, compresi gli standard Gsm, Umts e Lte per telefonia cellulare e garantisce alcuni diritti. «L'accordo risolve inoltre tutte le cause ancora in corso tra le due società per violazioni di brevetti», si legge.
L'accordo mette inoltre fine alle indagini della International Trade Commission, l'autorità americana antitrust, e le cause in corso negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Germania e Olanda. Le due società si impegnano inoltre a collaborare «in varie aree tecnologiche, compresi lo sviluppo dello standard 5G di nuova generazione, l'ottimizzazione delle reti wireless esistenti e l'ottimizzazione del traffico video».