19 settembre 2019
Aggiornato 02:00
Le barriere coralline, spesso brulicanti di vita marina, sono tra gli organismi naturali più delicati

Salvare gli ecosistemi delle barriere coralline del mondo

Una barriera corallina sana può contenere migliaia di specie; sfortunatamente, esse si trovano sotto un'immensa pressione e la loro sopravvivenza è a rischio

Le barriere coralline, spesso brulicanti di vita marina, sono tra gli organismi naturali più delicati. Una barriera corallina sana può contenere migliaia di specie; sfortunatamente, esse si trovano sotto un'immensa pressione e la loro sopravvivenza è a rischio. Una squadra internazionale di ricercatori guidata congiuntamente dall'Università di Newcastle, nel Regno Unito, e dalla Wildlife Conservation Society, negli Stati Uniti, ha individuato la aree su cui concentrare gli sforzi per salvare le barriere coralline.

Le barriere coralline nel mondo sono minacciate. L'innalzamento delle temperature, anche soltanto di uno o due gradi, possono causare lo sbiancamento dei coralli o persino amplificare gli effetti delle malattie infettive, distruggendo enormi zone di coralli. Anche determinate tecniche di pesca, come l'uso della dinamite, sono responsabili della distruzione delle barriere coralline. Per questa ragione, le No-Take Areas (NTA) sono state create non solo per proteggere i pesci, ma anche le barriere coralline dove questi vivono. Secondo le ultime ricerche, tuttavia, la posizione di queste NTA deve essere rivista e aggiornata.

Una squadra internazionale di ricercatori provenienti da Australia, Francia, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti è stata formata per condurre uno dei più grandi studi del suo genere. Assieme hanno esaminato delle NTA che coprono 66 siti in 7 paesi nell'Oceano Indiano. La loro ricerca è stata pubblicata sulla rivista PLoS ONE. Ciò che hanno scoperto è che le zone di conservazione sono ora localizzate nei posti sbagliati, poiché lasciano alcune barriere coralline esposte agli effetti del cambiamento climatico.

Secondo Nick Graham, capo dei ricercatori, della School of Marine Science and Technology dell'Università di Newcastle, è necessaria un'azione rapida. «Abbiamo bisogno di un approccio completamente nuovo e dobbiamo agire ora,» ha affermato. La ricerca ha mostrato che tutte le NTA esistenti dovrebbero rimanere tali; tuttavia sono necessarie nuove zone per proteggere altre barriere coralline.

«La nostra ricerca mostra che molte delle no-take areas del mondo sono nei posti sbagliati. Sono necessarie nuove zone protette che si concentrino su aree che si stanno sottraendo o stanno recuperando bene dagli effetti del cambiamento climatico. Ma l'attenzione principale deve essere posta sull'aumento della capacità di ripresa del sistema nel suo insieme, e questo significa ridurre quante più minacce locali sia possibile,» ha proseguito Graham.

Deve anche essere creato un sistema olistico di gestione dell'ecosistema se si vuole che le barriere coralline sopravvivano. «Il corallo muore quando viene messo sotto pressione, quindi ciò che dobbiamo fare è ridurre l'impatto umano diretto, come la pesca eccessiva, l'inquinamento e la sedimentazione, nell'intera area,» ha affermato. «Eliminando tutte queste cause di stress noi stiamo dando al corallo la migliore possibilità di sopravvivere e di riprendersi da tutti i cambiamenti della temperatura che si potranno verificare come conseguenza del riscaldamento globale.«