13 luglio 2020
Aggiornato 22:00
Caos venezuelano

Venezuela, procuratrice Ortega: se mi uccidono è colpa del governo

Luisa Ortega Diaz, la procuratrice generale del Venezuela esautorata dalla nuova Assemblea costituente, punta il dito contro il governo di Nicolas Maduro

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2017/08/20170807_video_11211454.mp4

CARACAS - «Sono oggetto di persecuzione e denuncio che per qualsiasi attacco contro la mia persona, per qualsiasi attacco che metta la mia vita in pericolo, riterrò responsabile il governo nazionale». A parlare è Luisa Ortega Diaz, la procuratrice generale del Venezuela esautorata dalla nuova Assemblea costituente. La sua rimozione è stata il primo punto all'ordine del giorno della controversa e contestata assemblea. La donna è diventata in questi mesi di tensione e proteste uno dei principali oppositori del presidente socialista Maduro, ora è stata sostituita con Tarek William Saab. Ortega aveva denunciato che subito dopo la sua rimozione, soldati della Guardia nazionale avevano circondato la Procura a Caracas. «È una dittatura - ha commentato -, eseguendo gli ordini del governo hanno proceduto a rimuovere illegittimamente perfino il procuratore generale, una decisione che non riconosco, io sono ancora la procuratrice generale del paese».