24 gennaio 2020
Aggiornato 05:30
Anis A., i suoi documenti trovati sotto il sedile del tir

Berlino, è caccia a un tunisino, forse coinvolto nella strage

In Germania la polizia dà la caccia a un islamista di origini tunisine, sospettato di essere coinvolto nella strage di Berlino

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2016/12/20161221_video_18064827.mp4

ROMA - In Germania la polizia dà la caccia a un islamista di origini tunisine, sospettato di essere coinvolto nella strage di Berlino. Si chiama Anis A., avrebbe tra i 21 e i 23 anni e sarebbe in possesso di diversi passaporti. Il ministro dell'Interno Thomas de Maiziere, conferma: «C'è un nuovo sospetto che stiamo ricercando, è un sospettato ma non per forza l'autore della strage».

Foto diffusa
E' stata diffusa una sua foto - che Bild ha deciso di coprire con una banda nera sugli occhi perché la ricerca non è pubblica - e sono centinaia le segnalazioni arrivate alla polizia berlinese. Anis, che avrebbe legami con i salafiti, potrebbe essere ferito e per questa ragione sono state ispezionate tutte le cliniche e gli ospedali di Berlino e del Brandeburgo.

Cosa si sa di lui
Pare che abbia soggiornato a periodi alterni tra il Land del Nordreno Westfalia e Berlino. Gli inquirenti hanno ritrovato sotto al sedile del camion della strage dei documenti con il suo nome, ma «non è affatto chiarita la partecipazione al fatto della persona ricercata», ha sottolineato il ministro degli Interni del Nordreno Vestfalia, Ralf Jaeger. Subito dopo l'attacco era stato arrestato un profugo pachistano, ritenuto il presunto autore dell'attentato, salvo poi essere rilasciato per insufficienza di prove.