25 febbraio 2020
Aggiornato 01:00
I guru tech stanno superando Hollywood nelle donazioni

Usa 2016, Hillary Clinton a caccia di fondi nella Silicon Valley

Oggi entra nel vivo la due giorni di raccolta fondi di Hillary Clinton in California: l'ex first lady sarà a San Francisco per vedere gli imprenditori della Silicon Valley

NEW YORK - Oggi entra nel vivo la due giorni di raccolta fondi di Hillary Clinton in California. Dopo la classica visita a Los Angeles - da anni i candidati alle primarie vanno a Hollywood a caccia di denaro - oggi l'ex first lady sarà a San Francisco per vedere gli imprenditori della Silicon Valley. Proprio i guru delle società tecnologiche sono diventate le persone più ricercate dai politici. E Clinton non poteva essere da meno.

Quasi vip
Negli ultimi anni infatti hanno di lunga superato i vip di Hollywood quanto a influenza politica. Una prova? Sempre oggi a San Jose, California, i vertici dell'intelligence americana si incontreranno con una decina di amministratori delegati della Silicon Valley per discutere di misure antiterrorismo e di sforzi maggiori per fermare la propaganda jihadista sui social media. Inoltre l'amministrazione Obama ha spesso consultato (o meglio ha avuto un canale privilegiato) con i guru tech. Una questione che qualunque candidato deve prendere in considerazione, soprattutto se si tratta di quello democratico che dovrebbe garantire continuità con le politiche dell'attuale presidente.

Tra i principali donatori dei democratici
«Hollywood è sempre stato uno dei principali donatori dei democratici, ma adesso la Silicon Valley è allo stesso livello, se non sopra», ha detto al Guardian Melinda Jackson, professoressa di politica alla San Jose State University. «Tradizionalmente la Silicon Valley è stata meno coinvolta [in politica] vista la sua anima libertaria. Ma la questione è ormai cambiata. La Silicon Valley si è svegliata dopo aver visto come ci siano numerosi campi in cui il governo può influire sulla tecnologia. Per questo vuole far sentire la sua voce», ha concluso Jackson.

Un'agenda fitta
Il primo appuntamento di oggi di Hillary è un incontro con Diana Nelson, presidente della catena di hotel Carlson. Poi terrà un evento di raccolta fondi nel cuore della Silicon Valley, a Palo Alto, organizzato dall'investitore Greg Sands e da sua moglie Sarah. Secondo una analisi condotta a settembre dal Los Angeles Times, Los Angeles e San Francisco rappresentano l'84% delle donazioni californiane ai candidati democratici e repubblicani (44 milioni di dollari). E Clinton ha attirato la maggior parte dei fondi: Hollywood l'ha premiata con 11 milioni e la bay Area di San Francisco con 9,6 milioni di dollari.

(Con fonte Askanews)