23 agosto 2019
Aggiornato 00:00
Tra le vittime due bambini, la pista privilegiata è quella dolosa

Francia, Parigi in lutto

Otto morti, tra i quali due bambini. E' sfociato in una tragedia l'incendio che questa notte è divampato in un palazzo di sei piani al numero 4 di rue Myrha a Parigi, nel 18esimo arrondissement della capitale francese

PARIGI (askanews) - Otto morti, tra i quali due bambini. E' sfociato in una tragedia l'incendio che questa notte è divampato in un palazzo di sei piani al numero 4 di rue Myrha a Parigi, nel 18esimo arrondissement della capitale francese. Un incendio con ogni probabilità di origine dolosa - una persona è già stata sottoposta a fermo - e che i vigili del fuoco hanno impiegato diverse ore per domare. Quattro persone sono rimaste inoltre ferite e sono ricoverate in ospedale. Due focolai si sono succeduti nel condominio non distante dal quartiere di Montmarte, che sorge su una collina nella zona nord di Parigi; si tratta del più grave rogo degli ultimi dieci anni nella capitale francese.

Arrestato uomo sulla trentina
Come detto, un sospetto è stato fermato ed è in custodia cautelare. E' stato arrestato «un uomo sulla trentina» dopo le prime testimonianze e le analisi delle «immagini di videosorveglianza, ma restiamo molto prudenti, non siamo che all'inizio dell'inchiesta», ha detto una fonte vicina alle indagini. Secondo Le Parisien, si tratta di un uomo di 37 anni che è stato bloccato verso le 11.15, davanti a una colonnina dei taxi a rue Doudeauville, a pochi passi dal luogo della tragedia dove era stato notato. Il comportamento dell'uomo - che testimoni avevano visto bruciare un cartone - ha insospettito i poliziotti. «Ci sono stati due diversi interventi allo stesso indirizzo», alle 2.23 e alle 4.30, ha dichiarato un portavoce dei vigili del fuoco, il comandante Gabriel Plus. «Siamo stati una prima volta chiamati alle 2.23 per un incendio nell'atrio del palazzo. Le fiamme sono state rapidamente domate, ma circa due ore più tardi siamo stati di nuovo allertati per un altro incendio, questa volta nella tromba delle scale».

Incendio esteso a più livelli
L'incendio, ha raccontato ancora il comandante Plus, si è esteso «a più livelli del palazzo abitato, che è composto da sei piani: i pompieri sono riusciti a portare in salvo sette persone, attraverso la facciata e il cortile interno». Per quanto riguarda le vittime, due sono morte lanciandosi dalla finestra per l'incedere delle fiamme, gli altri sono morti intossicati: lo hanno riferito i vigili del fuoco.

Violenza della fiamme
Le prime immagini scattate nella notte dai testimoni e pubblicate sui social network confermano la violenza delle fiamme. Imponenti mezzi sono stati mobilitati dai vigili del fuoco di Parigi per venire a capo dell'incendio, che è stato alla fine circoscritto verso le 7.30 del mattino. Sul posto sono arrivati circa cento uomini e trenta mezzi. Una grande macchia nera verticale è visibile su tre livelli, mentre i pompieri escono ed entrano dal palazzo con i volti coperti di fuliggine, avvolti da un forte odore di bruciato. Nascosti da un telone adagiato fuori dall'edificio, i corpi erano in attesa di essere portati via dopo l'arrivo dei magistrati. Florent, 29 anni, abita di fronte al condominio e quella appena trascorsa è una notte che non dimenticherà mai: «Verso le 16.30 ho sentito delle urla, richieste di aiuto», ha raccontato, «Mi sono svegliata. Sono uscita di casa, ho visto due corpi sdraiati a terra davanti all'atrio e il fumo che saliva verso i piani e le fiamme che uscivano dalla finestre. Tutto il palazzo era in fiamme. Sono tornata dentro casa e ho immediatamente telefonato ai pompieri, che sono arrivati rapidamente».

Rischio che crollino le strade
«L'incendio alle 8 è stato domato ma l'intervento non è concluso», ha spiegato il comandante Plus. Per i pompieri c'è il rischio che crollino le scale, ma non il palazzo. Ad accertare con i propri occhi l'accaduto è arrivato anche Bernard Cazeneuve, il ministro degli Interni francese. Dopo aver confermato il bilancio di otto morti e quattro feriti, ha spiegato che «è troppo presto per stabilire le cause di questa tragedia», per poi elogiare il lavoro dei vigili del fuoco di Parigi che hanno «lottato con molto coraggio, in condizioni molto difficili, per venire a capo dell'incendio».

Inchiesta per azione dolosa
Bernard Cazeneuve ha inoltre indicato che «è in corso un'inchiesta e che la polizia giudiziaria ne è stata incaricata». Non è possibile "ignorare che possa trattarsi di un'azione dolosa», ha dichiarato da parte sua il portavoce del ministero degli Interni, Pierre-Henry Brandet. Secondo testimoni ascoltati dagli inquirenti, due persone sono state viste uscire di corsa dal palazzo all'ora del primo incendio,verso le 2.30. Il capo dello stato, Francois Hollande, ha espresso la sua «solidarietà» alle vittime, mentre Manuel Valls ha rivolto il cordoglio alle «famiglie e ai parenti delle vittime di questo terribile incendio».

Parigi in lutto
Il sindaco di Parigi, Anne Hidalgo, ha chiarito che quello dove è scoppiato il rogo «non era un immobile insicuro, ma un edificio in buono stato in cui non erano stati individuati problemi». Il bilancio, ha proseguito, «è molto pesante e Parigi oggi è in lutto. Al momento lavoriamo per ospitare le famiglie che non possono tornare a casa loro a seguito di questo incendio». Sul posto a Parigi anche il capo della polizia, Michel Cadot, e gli psicologi, per dare sostegno alle vittime dell'incendio. Una quindicina, secondo il primo cittadino, gli alloggi danneggiati dalle fiamme.