20 settembre 2019
Aggiornato 22:30
Due delle vittime sono bambini, quattro i feriti in ospedale

Francia, incendio a Parigi: 8 i morti, azione dolosa?

Sono otto le vittime dell'incendio scoppiato nella notte a Parigi. Le indagini sono ancora in corso, ma non si esclude un'azione dolosa

PARIGI (askanews) - Dramma nella notte a Parigi. Un incendio è scoppiato in un palazzo di sei piani al numero 4 di rue Myrha, nel 18esimo arrondissement - zona nord - della capitale francese e ha povocato almeno otto morti. La polizia ha confermato che due delle vittime sono bambini. Quattro persone sono inoltre rimaste ferite e sono state ricoverate in ospedale. Due diversi focolai, scoppiati a un intervallo di due ore l'uno dall'altro, si sono succeduti: la pista che gli inquirenti in questo momento privilegiano è quella dolosa, riporta il quotidiano Le Parisien, che parla di uno dei più gravi roghi a Parigi negli ultimi dieci anni.

Due interventi
«Ci sono stati due diversi interventi allo stesso indirizzo», alle 2.23 e alle 4.30, ha dichiarato un portavoce dei vigili del fuoco, il comandante Gabriel Plus. «Siamo stati una prima volta chiamati alle 2.23 per un incendio nell'atrio del palazzo. Le fiamme sono state rapidamente domate, ma circa due ore più tardi siamo stati di nuovo allertati per un altro incendio, questa volta nella tromba delle scale».

Dolo?
«Non possiamo ignorare che possa trattarsi di un'azione dolosa», ha dichiarato da parte sua il portavoce del ministero degli Interni, Pierre-Henry Brandet. L'incendio, ha raccontato ancora il comandante Plus, si è esteso «a più livelli del palazzo abitato, che è composto da sei piani: i pompieri sono riusciti a portare in salvo sette persone, attraverso la facciata e il cortile interno». Le prime immagini scattate nella notte dai testimoni e pubblicate sui social network confermano la violenza delle fiamme. Imponenti mezzi sono stati mobilitati dai vigili del fuoco di Parigi per venire a capo dell'incendio, che è stato alla fine circoscritto verso le 7.30 del mattino. Sul posto sono arrivati circa cento uomini e trenta mezzi. Ad accertare con i propri occhi l'accaduto è arrivato anche Bernard Cazeneuve, il ministro degli Interni francese. Dopo aver confermato il bilancio di otto morti e quattro feriti, ha spiegato che «è troppo presto per stabilire le cause di questa tragedia», per poi elogiare il lavoro dei vigili del fuoco di Parigi che hanno «lottato con molto coraggio, in condizioni molto difficili, per venire a capo dell'incendio».

Inchiesta in corso
Bernard Cazeneuve ha inoltre indicato che «è in corso un'inchiesta e che la polizia giudiziaria ne è stata incaricata». Il sindaco di Parigi ha chiarito che quello dove è scoppiato il rogo "non era un immobile «insicuro, ma un edificio in buono stato in cui non erano stati individuati problemi». Il bilancio, ha proseguito, «è molto pesante e Parigi oggi è in lutto. Al momento lavoriamo per ospitare le famiglie che non possono tornare a casa loro a seguito di questo incendio». Sul posto a Parigi anche il capo della polizia, Michel Cadot, e gli psicologi, per dare sostegno alle vittime dell'incendio.