18 gennaio 2020
Aggiornato 23:30
Del periodo in cui era segretario di stato

Usa, Hillary Clinton permette all'Fbi di accedere al suo server e-mail

L'ex segretario di Stato americano Hillary Clinton ha deciso di mettere fine alle polemiche e di consentire all'Fbi l'accesso al suo archivio di posta elettronica del periodo in cui era alla guida della diplomazia americana

WASHINGTON (askanews) - L'ex segretario di Stato americano Hillary Clinton ha deciso di mettere fine alle polemiche e di consentire all'Fbi l'accesso al suo archivio di posta elettronica del periodo in cui era alla guida della diplomazia americana.

Server privato
La controversia su queste e-mail verte sul fatto che la posta, inviata e ricevuta da Hillary Clinton - oggi candidata per il partito democratico alla corsa alla Casa Bianca per le presidenziali 2016 - transitava per un server privato e non su quello ufficiale governativo come impone il regolamento per il Segretario di stato Usa, incarico da lei occupato tra il 2009 e il 2013.

Fbi verificherà
«L'avvocato di Hillary Clinton ha fornito all'Fbi l'accesso al server privato che ha contenuto le sue e-mail nei quattro anni in cui era segretario di stato», ha indicato il responsabile della campagna elettorale, riporta il Washington Post. Oltre all'accesso al server, «l'avvocato ha dato agli agenti federali una chiavetta usb contenente le copie di migliaia di e-mail che Clinton aveva già consegnato al Dipartimento di stato»