31 marzo 2020
Aggiornato 05:00
Ambiente

Nuovo accordo sul clima, Usa: «Non sarà perfetto»

Il meeting per un nuovo patto globale sul cambiamento climatico è tra 19 mesi, e gli Stati Uniti dicono già di non avere troppe aspettative

NEW YORK - Il termine ultimo per un nuovo patto globale sul cambiamento climatico è tra 19 mesi, e gli Stati Uniti chiedono già di non avere troppe aspettative. L'accordo «non sarà perfetto», ha detto ai giornalisti Todd Stern, negoziatore per conto di Washington in questi giorni in visita a Parigi, dove nel 2015 verrà ospitato l'importante meeting sul clima.

TRA REALPOLITIK E DELUSIONE - «Ci sono oltre 190 paesi [coinvolti]», ha avvertito Stern, secondo il quale non tenere conto della realpolitik «potrebbe portare alla delusione». Le Nazioni Unite puntano a limitare il surriscaldamento globale a 2 gradi Celsius sopra i livelli precedenti alla rivoluzione industriale. I negoziati di Copenaghen del 2009 erano finiti in un nulla di fatto. La nuova scadenza è fissata per il 2015, con un accordo che dovrebbe entrare in vigore per il 2020. 

USA CONTRARI A CATEGORIE DI PAESI - Stern ha aggiunto che gli Stati Uniti spingono per un sistema, non centralizzato, in cui ogni Paese sottopone i propri obiettivi di riduzione delle emissioni in base alle proprie possibilità. Washington dunque non sosterrà un approccio «top-down» che attribuisca diversi livelli di responsabilità a seconda della «categoria» del Paese: un problema che rischia di minare fin da subito la discussione.

LA POSIZIONE DI CINA E INDIA - Giganti come Cina ed India vorrebbero invece che fossero proprio i Paesi ricchi a pagare il prezzo più alto, data la loro lunga storia di inquinamento alle spalle. L'accordo punterà comunque a sostituire il Protocollo di Kyoto del 1997, che esentava da ogni responsabilità le nazioni in via di sviluppo, che per il 2030 rappresenteranno il 60% delle emissioni globali. Da allora la Cina è diventata la prima produttrice di gas serra, seguita da Stati Uniti, Europa ed India. E secondo molti è proprio Pechino a rappresentare il principale attore nella buon riuscita del prossimo fondamentale appuntamento.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal