6 giugno 2020
Aggiornato 23:30
Politiche di genere

«Basta vedersi come donne, siamo persone»

Questo l'appello lanciato dalla blogger egiziana Sarah Sirgany, collaboratrice della Cnn e autrice del libro «I diari della Rivoluzione» (Fandango), durante l'incontro «La primavera è donna. Questioni femminili e rivolte in Nordafrica», nella sede dell'Ufficio della Commissione europea in Italia, a Roma

ROMA - «Basta vedersi come donne, consideriamoci persone che fanno determinate attività, giornalisti, cittadini»: questo l'appello lanciato dalla blogger egiziana Sarah Sirgany, collaboratrice della Cnn e autrice del libro «I diari della Rivoluzione» (Fandango), durante l'incontro «La primavera è donna. Questioni femminili e rivolte in Nordafrica», nella sede dell'Ufficio della Commissione europea in Italia, a Roma.

SIAMO QUELLO CHE FACCIAMO - Sirgany ha raccontato ai presenti (tutte donne eccetto il moderatore-scrittore Luca Attanasio e un altro cameraman) che quando va in piazza a seguire gli scontri si trova di fronte un «muro di uomini», che la mettono in guardia dall'andare in prima linea, perchè rischia di essere picchiata: «E' molto frustrante essere oggetto di protezione», ha commentato. Lei, ogni volta, pazientemente spiega a chi tenta di fermarla, che «siamo quello che facciamo e che lei è una giornalista», non solo una donna.
La giornalista e attivista, che durante la rivolta nel suo paese ha curato un blog per il Corriere della sera, ha chiesto di non guardare alle «problematiche femminili come problemi a parte», sottolineando che «la lotta contro le molestie sessuali non è diversa dalla lotta contro le torture».
L'incontro, al quale hanno partecipato anche la giornalista tunisina e fondatrice di Radio Kalima Sihem Bensedrine e l'attivista e psichiatra egiziana esperta di vittime di tortura, Sally Toma, è stato organizzato dall'europarlamentare Silvia Costa, che ha redatto il «Rapporto d'iniziativa sulla condizione femminile in Nordafrica», che sarà votato dal Parlamento di Strasburgo il prossimo 12 marzo.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal