9 dicembre 2019
Aggiornato 21:00
Esteri. Nigeria

Amnesty: la polizia nigeriana uccide i civili che non pagano il pizzo

Nella sua replica il portavoce della polizia Emmanuel Ojukwu non nega di fatto le accuse

JOHANNESBURG - Amnesty International in un rapporto accusa la polizia della Nigeria di violenze e omicidi nei confronti di quei civili che si rifiutano di pagare il «pizzo» agli agenti. I poliziotti, in sostanza, ricattano la popolazione pretendendo mance e tangenti. In caso contrario, le persone vengono incarcerate, picchiate o anche uccise.
Nel rapporto Amnesty sottolinea che la situazione delle forze dell'ordine nel paese è critica. Gli agenti, dice Amnesty, sono pagati poco e male e addestrati in modo approssimativo.

Nella sua replica il portavoce della polizia nigeriana Emmanuel Ojukwu non nega di fatto le accuse ma precisa che «gli omicidi extragiudiari non sono approvati in Nigeria». Il portavoce ha aggiunto che i funzionari di polizia responsabili di simili reati saranno perseguiti ma non ha specificato quanti siano attualmente sotto inchiesta.