23 gennaio 2020
Aggiornato 01:00

Ex marito di Ingrid Betancourt: mi sento tradito da mia moglie

L'ex ostaggio delle Farc avrebbe chiesto il divorzio

MADRID - Juan Carlos Lecompte, marito della franco-colombiana Ingrid Betancourt, ha dichiarato al quotidiano El Mundo di sentirsi tradito dall'ex ostaggio delle Farc. «Ho lottato per la sua libertà e mi aspettavo della riconoscenza che non è arrivata. Sono rimasto sconcertato come tutte le persone che mi hanno visto lottare», ha detto al giornale spagnolo che lo ha intervistato a Bogota.

Qualche giorno fa la Betancourt avrebbe presentato istanza di divorzio facendo valere una separazione di fatto durante un periodo di oltre sei anni, cioè due anni più di quanto previsto dalla legge per procedere al divorzio, ha riferito il settimanale colombiano Semana. Gli avvocati di Lecompte hanno tuttavia respinto la richiesta allegando che «la separazione non è stata volontaria ma è avvenuta in seguito a un caso di forza maggiore», e hanno contrattaccato affermando che il loro cliente potrebbe presentare come argomenti le recenti rivelazioni di tre degli ex compagni di detenzione americani di sua moglie.

Harper Collins, Marc Gonsalves, Tom Howes e Keith Stansell, tre americani rimasti ostaggio delle Farc per più di cinque anni, hanno pubblicato nel mese di febbraio una relazione sui loro rapporti spesso tesi con la loro ex compagna di detenzione. I suoi compagni di cattività hanno in particolare riferito del suo «egoismo, del suo orgoglio e della sua arroganza». Ingrid Betancourt è stata liberata il 2 luglio 2008 dalle forze speciali colombiane dopo sei anni passati nella giungla nelle mani della guerriglia delle Farc, Forze armate rivoluzionarie di Colombia.