24 aprile 2019
Aggiornato 19:30
Trasporto aereo

Ryanair perde utili, per O'Leary è tutta colpa della Brexit

In seguito a indebolimento sterlina, cresciuti solo del 7%

ROMA - Ryanair ha annunciato un rallentamento della crescita degli utili al 7% nel primo semestre. Secondo la compagnia aerea low cost tale risultato segue il crollo della sterlina, dopo l'incertezza provocata dal referendum di giugno sulla Brexit, con il quale i britannici hanno deciso di uscire dall'Unione europea. Il vettore irlandese ha chiuso il periodo con un utile netto di 1,17 miliardi di euro. Lo scorso anno, nello stesso periodo, Ryanair faceva registrare una crescita dell'utile del 37%. Per l'ad di Ryanair, Michael O'Leary, ci sono state "condizioni di mercato difficili", tra cui "l'avverso impatto economico del voto sulla Brexit a giugno, che ha visto la sterlina indebolire dopo il picco raggiunto nel periodo estivo".