10 aprile 2020
Aggiornato 15:30
l'operazione è costata 200 mln di euro

Città metropolitana di Roma Capitale, approvato l'acquisto dell'immobile in via Ribotta

Il compromesso probabilmente si firmerà entro il 31 dicembre

ROMA - Il Consiglio della Città metropolitana, con la Delibera 160 approvata oggi, ha deciso l'acquisto dell'immobile di via Ribotta che dal 2007 era stata individuata come sede unica della ex Provincia di Roma.

200 milioni di euro per l'intervento
«Il costo complessivo dell'intervento è fissato intorno ai 200 milioni di euro - ha spiegato il vice presidente metropolitano Mauro Alessandri -. Questo importo si copre con la vendita del patrimonio di cui una parte è stata venduta, e una parte residua, che dovrebbe essere di circa 160 milioni, doveva essere coperta con la vendita di altri immobili di proprietà della Provincia ma il fondo è andato a rilendo e quindi noi, icon questo atto di indirizzo, in conto capitale, abbiamo appostato altre risorse». L'indirizzo politico dovrà, ora, essere tradotto in atti di gestione.

Concluso l'acquisto di via Ribotta
Il Consiglio metropolitano, si legge nella delibera, ha dato esecuzione, con l'atto approvato oggi, alle deliberazioni del Consiglio Provinciale n. 200 del 3/08/2007 e la n. 37 del 30/07/2009 e tenuto conto delle somme accantonate con la deliberazione del Consiglio metropolitano n. 43 del 27/11/2015, ha dato l'indirizzo politico per arrivare, finalmente, all'acquisto dell'intera proprietà dell'immobile di Via Ribotta 41-43. L'acquisto, secondo l'indirizzo espresso dal Consiglio, sarà formalmente disposto dalle parti entro il 31-12-2015 e formalizzato con efficacia immediata in apposito rogito da sottoscrivere nei tempi tecnici strettamente necessari, al prezzo, alle condizioni, con le garanzie e con le modalità indicate nella delibera.

Il compromesso entro il 31 dicembre
«La decisione politica sarà sottoposta a verifica tecnica - ha sottolineato il vice sindaco metropolitano Mauro Alessandri - ma il nostro indirizzo è che si provveda al compromesso entro il 31 dicembre e al rogito il prima possibile». Con l'atto approvato il Consiglio ha deliberato di prendere atto che il primo triennio di durata del Fondo Immobiliare Provincia di Roma scadrà il prossimo 31.12.2015, ma che il processo di valorizzazione e dismissione degli immobili conferiti è ancora in corso e, per questo, di approvare la proroga della durata del Fondo per un ulteriore biennio di gestione ordinaria ed un successivo triennio e riuscire, così, a completare lo smobilizzo del patrimonio residuo con la massima valorizzazione degli immobili e l' acquisto della proprietà della Sede Unica.

Il nuovo Business Plan
Il Consiglio ha preso atto delle linee guida del nuovo Business Plan del Fondo e della struttura complessiva dell'operazione, dando mandato al Vice Sindaco Metropolitano Mauro Alessandri, in qualità di legale rappresentante dell'Ente, e per quanto di competenza gestionale degli Uffici ai rispettivi dirigenti responsabili, di attuare ogni procedura necessaria per l'approvazione del nuovo Business Plan del Fondo, compresa la rinegoziazione del finanziamento in essere alle migliori condizioni possibili, tenuto conto delle condizioni di mercato, delle caratteristiche del Fondo e del relativo Business Plan. L'esito delle attività sarà riferito al Consiglio metropolitano mentre restano ferme tutte le iniziative e azioni poste in essere a tutela dell'Amministrazione. Il Consiglio ha deciso anche che gli immobili conferiti al Fondo nell'ottica della massimizzazione delle entrate, saranno dismessi a prezzi non inferiori al valore di mercato attestato dall'esperto indipendente del Fondo nelle proprie relazioni semestrali periodiche. (Fonte Askanews)

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal