24 giugno 2024
Aggiornato 07:30
Auto

Nuova Toyota Yaris, molto più di un semplice restyling

Il design del frontale a X si rifà a quello della nuova Aygo. Migliorate anche le finiture degli interni, vibrazioni e silenziosità. Il 1.0 tre cilindri diventa Euro 6 e consuma ancora meno (FOTO)

Sulla carta si tratta di un restyling di metà carriera per la terza generazione della Toyota Yaris, ma gli interventi dei progettisti non si sono limitati a rifarle il trucco. Il «piccolo genio» ha ora un aspetto più grintoso ma fa anche un ulteriore upgrade qualitativo in termini di piacere di guida e consumi. In Italia arriverà dopo l'estate.

DESIGN - A guardarla da fuori la cosa che salta subito all'occhio è il muso, completamente ridisegnato dai designer guidati dall'italiano Elvio D'Aprile. La grande «X» vista per la prima volta sulla nuova Aygo, qui è ancora più grintosa e seducente al tempo stesso. Tutte a led le luci e profili che, a seconda del colore della carrozzeria, possono essere neri o cromati. All'interno dell'abitacolo finiture e materiali sono di qualità superiore rispetto al modello precedente. In più è stata migliorata anche l'insonorizzazione riducendo ancora di più le vibrazioni e rendendo l'abitacolo più silenzioso, a tutto vantaggio del piacere di guida. Soprattutto in caso di lunghi viaggi.

MOTORI - Detto della forma, passiamo alla sostanza perchè i «ritocchini» hanno coinvolto anche la gamma motori. Il best seller, il tre cilindri 1.0 da 69 CV, diventa Euro 6 e riduce i suoi consumi a soli 4,1 l/100 Km con emissioni di Co2 di 95 g/Km. A questo si aggiungono i già noti 1.3 benzina da 99 CV e il diesel 1.4 da 90 CV. Infine l'ibrido, sempre più spesso preferito al diesel, che arriva ad una potenza di 100 CV, consumi pari a 3,3 l/100 Km ed emissioni di appena 75 g/Km abbinando al 1.5 benzina il motore elettrico.