19 settembre 2019
Aggiornato 17:00
Lavoro

A gennaio disoccupazione record al 12,9%

Il tasso ha raggiunto il livello massimo dal 1977, il dato medio per il 2013 si attesta al 12,2%, con un pesante aumento rispetto al 2012 quando era al 10,7%

ROMA - La disoccupazione in Italia non smette di segnare nuovi record. A gennaio il tasso di disoccupazione ha raggiunto il 12,9 per cento, livello massimo dal 1977. Il dato medio per il 2013 si attesta al 12,2 per cento, con un pesante aumento rispetto al 2012, quando si era registrato un comunque severo 10,7 per cento. Nel corso dello scorso anno si sono persi 478mila posti di lavoro, mentre dal 2008 la cifra sale fino a un milione.

Record negativo nel Meridione, dove il tasso sfiora il 20 per cento. La situazione più drammatica, però, riguarda i giovani: tra i 15 e i 24enni i senza lavoro sono il 42,4 per cento, pari a 690mila persone. Anche in questo caso si tratta del peggior dato da quando esistono le serie storiche dell'Istat. Un quadro quindi ancora preoccupante e ancorato allo scenario di una crisi che continua a colpire l'Europa, ma soprattutto il nostro Paese.