22 ottobre 2019
Aggiornato 18:00
Consorzio del Vino Brunello di Montalcino

A Benvenuto Brunello i vini firmati da Donatella Cinelli Colombini e da Valérie Lavigne

Annata 5 stelle, vigneti nella pienezza qualitativa, il tocco di Valérie Lavigne e nuova veste grafica per il Brunello 2006 Riserva del Casato Prime Donne di Montalcino che si presenta a Benvenuto Brunello 2012

MONTALCINO - Conto alla rovescia per l'edizione 2012 di Benvenuto Brunello - l'annuale manifestazione organizzata dal Consorzio del Vino Brunello di Montalcino – e per l'assaggio del più atteso tra i vini in presentazione, il Brunello Riserva 2006 che il Casato Prime Donne di Donatella Cinelli Colombini presenta con una veste nuova e il tocco personale dell'enologa francese Valérie Lavigne che ha selezionato solo il meglio di un'annata già eccezionale.

Un Sangiovese vinificato in purezza, dal colore rosso rubino intenso e brillante, che al naso si presenta raffinato, pulito, complesso, con note balsamiche e di spezie oltre a un chiaro ricordo di frutti rossi. Un gusto elegantissimo, vellutato, pieno, intenso, lungo. Una nota di mandorla amara che permane piacevolmente in bocca caratterizza questo Brunello Riserva 2006, che alla svolta qualitativa affianca quella stilistica, con un restyling dell'etichetta che mantiene le forme tradizionali ispirandosi al disegno del Brunello Prime Donne, bandiera e simbolo della produzione di Donatella Cinelli Colombini.
L'azienda totalmente al femminile di Montalcino si presenta all'appuntamento che andrà in scena dal 24 al 27 febbraio negli edifici storici del borgo toscano come il Chiostro del Museo di Montalcino e il Teatro degli Astrusi, non solo con il Brunello Riserva 2006, ma anche con un Brunello di Montalcino e un Brunello di Montalcino Prime Donne del 2007 e un Rosso di Montalcino del 2010. Tre annate a cinque stelle, che vanno a comporre un ventaglio d'eccellenza come mai prima d'ora era stato schierato in una unica occasione.