10 luglio 2020
Aggiornato 09:00
Tutela Consumatori

Premio Dona 2011: oggi i consumatori sono «on-line»

E' da questa premessa che prende il via la quinta edizione del Premio «Vincenzo Dona, voce dei consumatori»

ROMA - «Ci piaccia o no, i consumatori oggi sono ‘on-line’: è da questa premessa che prende il via la quinta edizione del Premio ‘Vincenzo Dona, voce dei consumatori’, quest’anno dedicato proprio al tema dei consumatori ‘on-line’, tra opportunità ed insidie della Rete». E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), annunciando il convegno in programma a Roma (Centro Congressi Montecitorio Eventi - P.zza Capranica, 101) il prossimo 24 novembre.

«La giornata di consegna del Premio è stata istituita dalla nostra Unione per ricordarne il fondatore, nonché il riconosciuto iniziatore del movimento consumerista in Italia. Quest’anno - spiega Dona - sarà l’occasione per fare il punto sulla nuova figura del consumatore che emerge nell’era del web 2.0, dove la parola chiave è ‘interazione’ ».
«Un consumatore -prosegue Massimiliano Dona- che può rimanere nell’ombra, vittima di una Rete che non riesce mai realmente a padroneggiare, o anche diventarne l’indiscusso protagonista, sfruttandone consapevolmente le enormi potenzialità. Ciò che è certo -sottolinea il Segretario generale dell’UNC- è che può sempre esprimere la propria opinione».

La mattinata di convegno avrà luogo a partire dalle ore 9.30 e vi prenderanno parte, come di consueto, autorevoli personalità del mondo istituzionale, politico ed accademico: tra gli altri, Ferruccio Fazio, Ministro della salute, Anna Maria Bernini, Ministro delle politiche europee, Francesco Pizzetti, Presidente dell’Autorità garante per la privacy, Umberto Rapetto, Comandante del GAT Nucleo Speciale Frodi Telematiche della Guardia di Finanza, Domenico Vulpiani, Coordinatore Ministero dell’interno per la sicurezza informatica, Giovanni Sabatini, Direttore generale dell’ABI e Francesco Sacco, Professore di strategia aziendale all’Università dell'Insubria, Varese ed EntER, Università Bocconi di Milano.