5 aprile 2020
Aggiornato 03:00
Gli effetti della manovra

Benzina più cara se aumenta l'Iva, più 1 cent a litro

Lo stima Quotidiano Energia. Intanto la tregua regge, prezzi fermi da una settimana. Avanzano le no-logo

ROMA - Benzina più cara di un centesimo al litro se l'Iva salirà al 21%. L'incremento dell'Iva, infatti, andrebbe a gravare sui consumatori sia direttamente (oltre 1 centesimo al litro sui rifornimenti di benzina e diesel) che indirettamente (per un innalzamento dei costi di trasporto legati a tutti gli altri beni). A stimarlo è Quotidiano Energia.
La misura andrebbe però ad aggiungersi «all'aumento della tassazione sui carburanti tra aprile e luglio a favore di Fus, cinema e interventi culturali oltre che dell'emergenza umanitaria per le ondate di immigrati dal Nord Africa: parliamo di oltre 7 centesimi/litro considerando tre interventi sulle accise e l'effetto moltiplicatore dell'Iva (che, vale la pena ricordarlo, grava non solo sul prezzo industriale ma anche sulla stessa accisa - dunque, un'imposta su un'altra imposta)». La manovra di luglio, tra l'altro, ha reso strutturale il rincaro pro-Libia che sarebbe dovuto terminare a fine anno.

La tregua regge, prezzi fermi da una settimana - Nuovo passo in avanti, il quarto consecutivo, per le quotazioni internazionali di benzina e diesel. Il quadro non è dei più incoraggianti per le compagnie petrolifere, anche oggi ferme sulle loro posizioni in attesa di capire quale direzione prenderanno i mercati nella settimana appena iniziata. Solo modesti aggiustamenti per i prezzi praticati sul territorio, dove si segnala un piccolo avanzamento per le no-logo, più sensibili rispetto alle dinamiche internazionali, i cui sconti rispetto alle petrolifere si mantengono comunque tra i 7 e i 9 centesimi.
E' questo il quadro che emerge dal monitoraggio di quotidianoenergia.it in un campione di stazioni di servizio rappresentativo della situazione nazionale. Il prezzo medio praticato della benzina (in modalità servito) va oggi dall'1,603 euro/litro degli impianti Esso all'1,607 di quelli IP e Tamoil (no-logo a 1,532). Per il diesel si passa dall'1,478 euro/litro dei punti vendita Q8 all'1,490 degli impianti Tamoil (le no-logo a 1,386). Il Gpl, infine, si posiziona tra lo 0,713 euro/litro di Eni allo 0,725 di IP (no-logo a 0,709).

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal