5 aprile 2020
Aggiornato 03:30
Lusso

Lvmh acquisisce la maggioranza di Bulgari

Scambio azionario, la famiglia romana entra nel gruppo francese. Opa a 12,25 euro per azione. Trapani: tappa importante in una fase di forte crescita ricavi

ROMA - Un simbolo del lusso italiano cambia bandiera: il marchio Bulgari passa infatti nelle mani del colosso francese della moda Lvmh. Un comunicato della società transalpina riferisce infatti che Lvmh ha acquisito la partecipazione della famiglia Bulgari pari al 50,45%. L'accordo prevede uno scambio azionario in base alla quale la famiglia romana entrerà nel capitale di Lvmh. Inoltre, quest'ultima sarà tenuta a lanciare un'Opa obbligatoria sulle restanti azioni di Bulgari cui farà seguito la revoca della quotazione di Bulgari.

L'alleanza, si legge in un comunicato della maison italiana creata da Sotirio Bulgari nel 1884, ha l'obiettivo «di rinforzare, nel rispetto della sua storia, dei suoi valori, della sua artigianalità e della sua identità, lo sviluppo a lungo termine del Gruppo Bulgari. L'accordo, concluso questo fine settimana, è stato approvato all'unanimità da parte del consiglio di amministrazione del Gruppo Lvmh domenica sera. Anche il consiglio di amministrazione di Bulgari ha approvato all'unanimità il progetto di conferimento a Lvmh della partecipazione di controllo della famiglia nel capitale sociale di Bulgari. Al termine del processo di conferimento delle azioni, Lvmh emetterà 16,5 milioni di azioni in concambio dei 152,5 milioni di azioni Bulgari attualmente detenute dalla Famiglia Bulgari, che diventerà così il secondo maggior azionista familiare del Gruppo Lvmh». In osservanza degli obblighi di legge previsti dalla Borsa italiana, prosegue la nota, Lvmh promuoverà un'Offerta Pubblica di Acquisto al prezzo di 12,25 euro per azione sulle azioni detenute dagli azionisti di minoranza. Paolo e Nicola Bulgari resteranno, rispettivamente, presidente e vice presidente del consiglio di amministrazione di Bulgari. La Famiglia Bulgari, inoltre, potrà nominare due membri nel consiglio di amministrazione di Lvmh e Francesco Trapani, amministratore delegato di Bulgari, entrerà nel comitato esecutivo di Lvmh, assumendo, nel secondo semestre 2011, anche la direzione di tutte le attività 'Orologeria - Gioielleria' di Lvmh. Philippe Pascal, attuale responsabile di tali attività, resterà nel comitato esecutivo di Lvmh e gli saranno affidate nuove responsabilità in seno al Gruppo.

In una dichiarazione congiunta, Paolo e Nicola Bulgari hanno affermato: «abbiamo trovato in Bernard Arnault e nel gruppo che ha costruito tutti gli elementi necessari a garantire il futuro a lungo termine di Bulgari: la capacità di accogliere e raggruppare in una potente organizzazione marchi diversi, che possano così crescere e svilupparsi pur preservando la loro identità e la loro originalità; una cultura del tutto identica alla nostra, caratterizzata dalla ricerca estrema della qualità e dell'eccellenza; una perfetta armonia tra il controllo familiare del capitale, garanzia di una visione strategica a lungo termine, e un'apertura al mercato di Borsa che serva da stimolo per la gestione e garantisca allo stesso tempo la liquidità per gli azionisti della famiglia».

Francesco Trapani, amministratore delegato di Bulgari ha dichiarato: «quella di oggi è una tappa importante sia per la nostra famiglia sia per Bulgari che giunge in un momento di forte crescita dei ricavi. L'ingresso in Lvmh consentirà a Bulgari di rinforzare il suo sviluppo su scala mondiale e di realizzare sinergie significative soprattutto nell'ambito degli acquisti e della distribuzione. Vorrei aggiungere che per me è un grande onore che mi sia affidata la responsabilità delle attività 'Orologeria - Gioielleria' di Lvmh che include marchi prestigiosi quali Tag Heuer, Chaumet, Zenith, Hublot, Fred e De Beers. Bulgari e questi marchi saranno in grado di investire e innovare ulteriormente per diventare il leader mondiale nel segmento dell'alto di gamma».

Bernard Arnault ha dichiarato: «l'alleanza tra il mio Gruppo e la famiglia Bulgari rappresenta una combinazione ideale, da tutti i punti di vista, poiché condividiamo la stessa cultura in termini di rispetto dell'identità e delle radici dei marchi, di ricerca dell'eccellenza, della creatività e dell'innovazione. Come avviene in Lvmh, gli azionisti della Famiglia Bulgari sono direttamente coinvolti nella gestione operativa dell'azienda, sono imprenditori che conoscono bene tutti gli aspetti del mestiere, dalla creazione del prodotto al servizio post vendita. Per questi motivi ci siamo subito intesi e siamo stati concordi sul modo in cui lavoreremo insieme. Sono certo che la nostra alleanza porterà grandi benefici sia a Bulgari sia al Gruppo Lvmh. Dò il benvenuto a Francesco Trapani, - ha concluso - l'artefice dello sviluppo di Bulgari negli ultimi vent'anni, in seno al comitato esecutivo di Lvmh e approfitto per ringraziare Philippe Pascal del suo decisivo contributo allo sviluppo delle nostra attività di 'Orologeria - gioielleria».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal