15 ottobre 2019
Aggiornato 03:30
Industria motociclistica

La MV Agusta torna italiana

Castiglioni torna a guidare la società dei marchi Agusta e Cagiva riacquistandoli dalla Harley Davidson.

MILANO - Mv Agusta torna italiana. Claudio e Giovanni Castiglioni, attraverso la loro holding di famiglia hanno riacquistato dal gruppo Harley Davidson di Milwaukee il 100% del capitale di MV Agusta Motor, proprietaria degli storici marchi MV Agusta e Cagiva. L'azienda americana aveva comunicato nell'ottobre 2009 la volontà di cedere MV Agusta con l'obiettivo strategico di concentrarsi sul proprio marchio e sulla propria gamma. E' quanto comunica una nota.

Dopo mesi di trattative, la famiglia Castiglioni torna in sella alla stessa società che aveva precedentemente rilanciato e portato al successo internazionale, con l'ideazione dei modelli Brutale e F4, emblemi del Made in Italy nel mondo.
Con l'advisor finanziario Lazard & Co., hanno assistito i Castiglioni nell'operazione Alessandro Varrenti e Giuseppe Alessandro Galeano, partners dello Studio legale e tributario CBA, nonché i consulenti storici della famiglia Castiglioni, Sergio Caramella, Giuseppe Carteni, Partner dello studio legale Lead e Andrea Lanata.

Alla guida della società, a fianco a Giovanni Castiglioni, ci sarà Massimo Bordi, manager importante nell'industria italiana. Ingegnere meccanico, 62 anni, Massimo Bordi è stato l'artefice del successo di Ducati dove ha ricoperto il ruolo di amministratore delegato proprio negli anni in cui Ducati era di proprietà della famiglia Castiglioni e anche negli anni successivi sotto la proprietà del fondo americano TPG. Dal 2003 ad oggi è stato amministratore delegato del Gruppo Same Deutz Fahr, contribuendo alla leadership del Gruppo nella produzione di macchine agricole.

«MV Agusta ha tutte le carte in regola per confermarsi quale uno dei maggiori player sul mercato delle due ruote di alta gamma, con un brand tra i più conosciuti al mondo, anche se dovranno essere svolte importanti azioni di ristrutturazione industriale e manageriale. I modelli attuali e quelli che abbiamo in progetto hanno un forte carattere, una grande innovazione e un design unico; non ho dubbi sul loro successo», ha detto Bordi. Lo storico Presidente Claudio Castiglioni, anima e cuore di MV Agusta manterrà la carica di Presidente con delega allo sviluppo dei nuovi modelli. Alla firma del contratto Castiglioni ha dichiarato che «MV Agusta è la perla del motociclismo italiano», sottolineando di essere «contento di questa operazione perchè con Massimo ho già vinto una volta, abbiamo fatto le moto più belle del mondo e continueremo a farlo».