24 febbraio 2020
Aggiornato 16:00
Industria automobilistica

Opel, Gm abbandona le richieste di sostegni pubblici

La «casa madre» vuole fare in fretta e finanzierà con risorse proprie

BERLINO - Opel ha annunciato il ritiro di tutte le richieste di sostegni pubblici al suo piano di ristrutturazione in Europa, spiegando di aver constatato progressi «molto più lenti del previsto» nelle procedure con cui chiedeva garanzie pubbliche sui prestiti. E invece la capogruppo General Motors vuole avanzare «rapidamente» sulla ristrutturazione. A questo si è aggiunto il recente miglioramento della posizione finanziaria di Gm: questo è stato il «catalizzatore», spiega la società, che ha fatto decidere di finanziare la ristrutturazione di Opel solo con risorse proprie.