26 maggio 2020
Aggiornato 03:00
Sabato 12 settembre alle 11 alla Fiera Sana di Bologna

I vini biodinamici: una nuova filosofia del produrre in Romagna

Incontro degustazione di vini naturali prodotti nel faentino guidato dal sommelier Giovanni Solaroli

BOLOGNA - L’interesse dei consumatori verso i prodotti etichettati «bio» è oggi in continua crescita ed inizia ad estendersi anche al mondo dell’enologia. Così si sente parlare sempre più spesso di vini biodinamici, fenomeno letteralmente esploso negli ultimi anni: si tratta di vini prodotti da agricoltura biologica, il cui aspetto caratteristico è dato dal legame con la terra, dalla ricostituzione della fertilità del terreno e, quindi, dalle tecniche di coltivazione, senza l’utilizzo di prodotti di sintesi chimica.

L’appuntamento per scoprire la novità dei vini biodinamici prodotti in Romagna è domani sabato 12 settembre alle ore 11 a Sana, il Salone Internazionale del Naturale, in programma alla Fiera di Bologna. Protagonisti i ‘vini naturali’ prodotti nel faentino, che saranno degustati presso lo stand della Regione Emilia Romagna, padiglione 19, sotto la guida del sommelier Giovanni Solaroli.

L’evento si inserisce all’interno di un ciclo di degustazioni organizzato dall’assessorato all’Agricoltura della Regione Emilia Romagna insieme ad  Agenzia PrimaPagina, Ais Romagna e Ais Emilia, con la collaborazione di Enologica, per promuovere e fare conoscere al pubblico le eccellenze regionali.

In questo caso saranno degustati i vini biodinamici, che vedono nel territorio di Brisighella, Modigliana e Faenza le condizioni ideali per la coltivazione di uve sane, capaci di difendersi da sole (senza l’utilizzo di concimi, fitofarmaci, diserbanti ecc.) e che non hanno bisogno di molti interventi per attraversare tutte le fasi che le porteranno a diventare vino. Un vino che incontrerà il favore dei consumatori che cercano un prodotto sano, pulito, ma anche giusto, tanto nel prezzo quanto nel modo di produrlo.

Questo l’elenco dei vini proposti in degustazione: Rigogolo Ravenna Igt Bianco 2006 (az. Bragagni Andrea, Brisighella), Limbecca Sangiovese di Romagna Doc Superiore 2008 (Az. Francesconi Paolo, Faenza), Campiume Ravenna Igt Sangiovese 2005 (az. Vigne di San Lorenzo, Brisighella), Mantignano Colli di Faenza Doc Sangiovese Riserva 2003 (az. Il Pratello, Modigliana), Settepievi Ravenna Igt Rosso 2004 (az. Vigne dei Boschi, Brisighella).

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal