15 novembre 2019
Aggiornato 18:00
Crisi del credito

Cardia: «Rischi asfissia finanziaria per gran parte pmi»

Solo grandi imprese riescono a reperire capitale sul mercato

MILANO - La crisi espone la gran parte delle piccole e medie imprese italiane al rischio di una asfissia finanziaria. E' quanto afferma il presidente della Consob, Lamberto Cardia, nella sua relazione annuale a Milano nella sede della Borsa Italiana.

«Gran parte delle imprese medio-piccole, trama fondamentale del tessuto imprenditoriale, trova difficoltà -dice Cardia - e potrebbe correre rischi di asfissia finanziaria». Per Cardia «si sta interrompendo un processo di ristrutturazione industriale del settore che negli anni scorsi aveva cominciato a produrre risultati incoraggianti in termini di produttività e competitività internazionale».

Chi invece non ha problemi di accesso al credito sono le grandi imprese. «Solo le imprese di grandi dimensioni - prosegue nella relazione Cardia - riescono a reperire sul mercato capitale proprio e a collocare prestiti obbligazionari senza gravi difficoltà né a costi da considerare eccessivi».