19 maggio 2024
Aggiornato 17:00

F24 EP, ok all’utilizzo per Prefetture e titolari di contabilità speciali

Il modello dedicato apre a tutti i tributi erariali

Via libera, a partire dal 1° aprile, all’utilizzo del modello F24 EP (Enti pubblici) anche da parte delle Prefetture e di alcuni enti pubblici titolari di contabilità speciali, come ad esempio l’Agenzia italiana del Farmaco (Aifa).

Un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate estende infatti agli uffici territoriali del governo e a quattro enti «pilota» - Aifa, Autorità di bacino del fiume Arno, Istituto agronomico per l’oltremare e Autorità di bacino del fiume Tevere - la possibilità di avvalersi del modello già utilizzato, dal 1° gennaio 2008, dagli enti pubblici sottoposti ai vincoli del sistema di tesoreria unica dello Stato per il versamento di Irap, ritenute Irpef e relative addizionali comunale e regionale.

Il provvedimento amplia inoltre la platea dei tributi ammessi al versamento tramite F24 EP: come previsto dal decreto legge anticrisi (Dl 185/2008), il modello potrà infatti essere utilizzato dagli enti soggetti al sistema di tesoreria unica, dai titolari di contabilità speciali individuati e dalle Prefetture non solo per i versamenti «tradizionali» (Irap, ritenute alla fonte Irpef e relative addizionali comunale e regionale), ma anche per quelli relativi a tutti gli altri tributi erariali amministrati dall’Agenzia delle Entrate (come, ad esempio, Iva e Ires). I codici tributo da utilizzare saranno individuati con successive risoluzioni.