4 aprile 2020
Aggiornato 04:00
Vertenza chimica

«Impegnato a risolvere personalmente la vertenza chimica in Sardegna»

Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è personalmente intervenuto sulla vicenda della chimica in Sardegna e ha chiesto e ottenuto precisi impegni dell’amministratore delegato dell’Eni Paolo Scaroni

Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è personalmente intervenuto sulla vicenda della chimica in Sardegna e ha chiesto e ottenuto precisi impegni dell’amministratore delegato dell’Eni Paolo Scaroni.

Il Presidente Berlusconi - si legge in una nota di Palazzo Chigi - preoccupato per l’aggravarsi della situazione della chimica nell’isola ha chiamato il dottor Scaroni, impegnato a Mosca nella difficile vertenza internazionale del Gas, e gli ha chiesto una soluzione rapida in maniera tale da eliminare la grave situazione di incertezza e disagio che vivono decine di migliaia di famiglie sarde.

Il Presidente Berlusconi ha chiesto che l’Eni intervenga sulla vertenza assumendo le seguenti determinazioni:
1.tutto il personale degli impianti chimici della Sardegna deve essere richiamato a lavoro a partire dal 1° febbraio destinando il personale degli impianti che dovessero subire una fermata tecnica nei reparti produttivi dove esistono carenze di maestranze;
2.deve essere mantenuto in piena efficienza tecnica e operativa l’impianto di produzione di cumene e fenolo di Portotorres con un piano adeguato di manutenzioni ordinarie e straordinarie trattandosi di un arresto solo congiunturale e non strutturale degli impianti stessi;
3.sempre dal 1° febbraio deve essere riavviato l’impianto cracking di Portotorres consentendo la ripresa della produzione di etilene necessario per la ripresa produttiva degli impianti di cloro soda di Macchiareddu e il conseguente approvvigionamento dell’impianto di Porto Marghera;
4.deve essere avviato immediatamente il tavolo nazionale della chimica, come già deciso dal Ministro Scajola, per definire tutto il monitoraggio e la strategia della chimica sarda nel contesto nazionale ed europeo.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal