10 luglio 2020
Aggiornato 23:00
Opere pubbliche per il G8

G8: l'assessore Mannoni risponde al sindaco Tedde (Alghero)

«Ci auguriamo che Berlusconi raccolga senza indugio la richiesta del Sindaco ponendo a carico del bilancio statale tutte le risorse occorrenti»

Con la sua lettera al Presidente Berlusconi sugli appalti per il G8, riportata dalla stampa isolana, il Sindaco di Alghero ricorda al Governo nazionale che le risorse non sono di provenienza governativa, bensì regionali. Mi pare una giusta rimostranza nei confronti del Governo da parte di un sindaco di centrodestra.

Ci auguriamo che Berlusconi raccolga senza indugio la richiesta del Sindaco ponendo a carico del bilancio statale tutte le risorse occorrenti.
Al sindaco, che non lo sa, dico che le risorse regionali verranno ripristinate con le quote di finanziamento statale per la nuova Sassari-Olbia che il Governo, nella Conferenza Stato-Regioni del 10 luglio 2008, si è impegnato a stanziare. Nel frattempo, a La Maddalena i lavori avanzano bene e, su 1.000 addetti, 500 sono lavoratori sardi. Inoltre, per alcuni cantieri, la quota di risorse finanziarie erogate che restano in Sardegna sono pari al 40 per cento. Ma ciò non sta bene al Sindaco di Alghero, che «invoca» – è proprio il caso di dirlo - Berlusconi affinché, per i nove appalti della Sassari-Olbia, ci sia l'aggiudicazione diretta delle opere» alle imprese sarde.

Al sindaco di Alghero, che in materia è disinformato e crea colpevole disinformazione, raccomando un’attenta lettura delle norme che regolano le procedure di aggiudicazione degli appalti delle opere collaterali al G8. Si tratta delle stesse norme, a parte le semplificazioni e le accelerazioni procedurali, che il Sindaco Tedde applica negli appalti del Comune di Alghero.
Infine, una riflessione: sono tutte sarde le imprese che ad Alghero e con il Sindaco Tedde si sono aggiudicati i lavori di una certa rilevanza?