Occhi al cielo

La città di Urbino «illuminata» ieri sera da un grosso asteroide o bolide. Molte le segnalazioni

Un bolide di significative dimensioni ha solcato i cieli di Urbino e in provincia, illuminando la notte. L’asteroide, di cui sono giunte molte segnalazioni dalla popolazione testimone dell’evento, è stato avvistato intorno alle 21:40 di ieri 21 marzo

Un bolide nel cielo
Un bolide nel cielo (Triff | shutterstock.com)

Dopo i bolidi della Siberia e del Nicaragua, ecco quello tutto italiano che ha illuminato il cielo della provincia di Pesaro e Urbino nella serata di ieri, 21 marzo, alle ore 21:40. Numerose le segnalazioni del fenomeno che ha suscitato forti emozioni in chi ne è stato testimone. La notizia ha subito fatto il giro dei social.

(Vadim_Sadovski | shutterstock.com)

All’improvviso
Per chi si è trovato in quel momento a volgere gli occhi al cielo è apparso improvvisamente, come sbucato dal nulla. Proveniente da Est, il bolide che ha solcato il cielo ha lasciato una scia luminosa molto brillante che inizialmente era di colore rosso che poi è virato al blu.

(Jan Martin Will | shutterstock.com)

I bolidi
Questi corpi celesti sono in pratica degli asteroidi, chiamati bolidi poiché si disintegrano (per fortuna) nell’atmosfera terrestre quando ve ne facciano ingresso. Per cui non precipitano al suolo. La loro luminosità è maggiore rispetto a quella delle stelle e dei pianeti che noi, da terra, vediamo. Per questo motivo li vediamo subito e molto luminosi. Tuttavia, non sono più luminosi della Luna e del Sole. A seconda della velocità, della composizione e altri fattori i bolidi possono presentarsi nel cielo con diverse colorazioni o scie luminose: si va appunto dal rosso al blu, o dal verde smeraldo al rosso, ma anche azzurro e arancione… Quando si disintegrano spesso sono accompagnati da rumori o boati avvertibili e dai tipici ‘flare’ o brillamenti.

(adim Sadovski | shutterstock.com)