26 giugno 2019
Aggiornato 17:30
Polemiche a Domenica Live

Romani: «Barbara D'Urso inadeguata e insopportabile » e scatta la battaglia sul web

Si alza un polverone a suon di tweet bipartisan sulla conduzione di Barbara D'Urso dello speciale di Domenica Live dedicato ai fatti tragici di Parigi

MILANO - Barbara D'Urso sotto accusa. Quasi al termine della puntata di Domenica Live su Canale 5 dedicata agli attentati di Parigi, il senatore di Forza Italia Paolo Romani è esploso in un tweet senza mezzi termini: «D'Urso sei inadeguata e insopportabile. Occupati di amori, canti, balli e pettegolezzi, non di problemi seri. Dov'è il direttore di Canale 5?».

Il polverone sul web
In pochi minuti, il post di Romani ha sollevato un polverone di polemiche in rete, coinvolgendo anche Daniela Santanchè che si è schierata con D'Urso, twittando «Io sto con #barbaradurso». Via via cresce la solidarietà bipartisan a Barbara D'Urso. Il presidente dei senatori Fi è finito nel mirino di Carmela Rozza, esponente Pd ed assessore ai Lavori Pubblici di Milano: «Dal salotto della D'Urso si parla a milioni di italiani. Forse Romani è geloso. Barbara, fai una opera buona: invitalo». Pierluigi Diaco giornalista e conduttore dice: «Paolo Romani, Mediaset non è la Rai dove i politici scelgono e promuovono anche le conduttrici. Barbara D'Urso fa il suo lavoro», Da Il Fatto Quotidiano, anche Emiliano Liuzzi ha cinguettato: «Io sto con Barbara D'Urso».

Romani approfondisce
Il fulmine piomba a ciel sereno nel pomeriggio della rete ammiraglia Mediaset. Attaccare Barbara D'Urso significa prendersela con un pezzo del mondo e dell'immaginario berlusconiano. In quel salotto dalle luci compiacenti l'ex premier si è fatto intervistare più volte. Barbara D’Urso ancora non ha risposto alla critica, ma Paolo Romani è stato intervistato per avere dei chiarimenti e a «La Repubblica» ha dichiarato: «Non è una giornalista, non sa niente! Era lì con Alfano, con la Lega e con l’esponente di una comunità islamica, ma era chiaro che non sapeva di cosa stava parlando. Ma lo sa che nel mondo ci sono un miliardo e 700 milioni di musulmani e che certo non sono tutti terroristi? Non si può parlare di queste robe non sapendo nulla, dando del tu al ministro dell’Interno, intervistandolo senza contraddittorio e dicendo cose come: Mi raccomando, non bombardate, ci sono i bambini siriani!. Sei un’ignorante, parla delle tue cavolate e lascia stare argomenti così seri e delicati».