23 agosto 2019
Aggiornato 02:30
Fenomeni social

Ultima parole di Steve Jobs: è una bufala

Non sarebbe il guru di Apple ad aver pronunciato il lungo discorso che da qualche giorno è diventato virale su Facebook. Sembra l'ultima trovata per cercare like e condivisioni

ROMA - Probabilmente lo avrete visto anche sulla vostra bacheca di Facebook, condiviso da qualche amico particolarmente ispirato. È un lungo documento che nella versione più diffusa include due foto in cui Steve Jobs appare visibilmente debilitato, e un lungo testo, che viene spacciato per le sue ultime parole.

Jobs non avrebbe mai detto quelle parole
Il post è una bufala. Non le foto, purtroppo, che sono quelle che i giornali di gossip pubblicarono nel 2011, quando l’allora CEO di Apple si era ritirato per un lungo periodo di malattia. Il testo, forse pessima traduzione della pagina di un manuale di citazioni dozzinali sulla vita e la morte, è invece chiaramente falso. Steve Jobs non ha mai detto quelle parole nè le ha mai scritte. Chiunque abbia mai letto qualcosa che sia uscito dal pugno di Jobs se ne accorgerà subito. Mancano la sua brevità, la sua incisività. I passaggi di filosofia spicciola, per contro, abbondano. L’autore del famoso discorso di Stanford («Siate affamati, siate folli»), non avrebbe mai potuto produrre una banalità tale, buona solo per certe paginacce Facebook a caccia di condivisioni

Le vere ultime parole di Steve
Le ultime parole dell’iCEO, quelle vere, sono note pubblicamente. Le ha rivelate la scrittrice Mona Simpson, la sorella naturale «ritrovata» da Steve Jobs a metà degli Anni '80, nella sua elegia funebre pubblicata sul New York Times: «Prima di imbarcarsi, guardò sua sorella Patty, poi i suoi figli per un lungo momento, poi la compagna della sua vita, Laurene, e infine sopra le loro spalle, oltre di loro. Le ultime parole di Steve furono: OH WOW. OH WOW. OH WOW.»