25 aprile 2024
Aggiornato 09:30
Gossip

Justin Bieber lancia uova al vicino. E il giudice lo condanna

La popstar è stata condannata a due anni di libertà vigilata con tanto di servizi sociali per aver fatto uno "strano" sgarro al vicino. Per lui anche un risarcimento da 70mila franchi svizzeri

LOS ANGELES - Due anni di libertà vigilata e pure i servizi sociali. Questa la pena che dovrà scontare Justin Bieber perché colpevole di vandalismo. Così ha deciso il procuratore distrettuale di Los Angeles. Il fatto risale a inizio anno, quando un vicino di casa di Justin a Calabasas, California, lo aveva accusato di aver gettato delle uova contro la sua abitazione causandogli un danno da oltre 18mila franchi svizzeri. Una barzelletta? Non proprio.

LIBERTÀ CONDIZIONATA E SERVIZI SOCIALI - I legali della star hanno pensato bene di patteggiare per evitargli la galera. Come parte del patteggiamento della pena, Justin dovrà seguire per tre mesi delle sedute per imparare a controllare la sua rabbia e per cinque giorni sarà mandato a svolgere dei lavori socialmente utili. Il giudice Leland Harris ha stabilito anche che la popstar dovrà pagare oltre 70mila franchi a titolo di risarcimento al vicino di casa. Inutile dire che di quella super villa non ne vuole più sapere: pare infatti che l'abbia già venduta. L'acquirente sarebbe addirittura Khloé Kardashian.

«FELICE» - Secondo il portavoce ufficiale, Bieber è «felice» di non avere più pendenti legali in corso. «Justin è felice di aver risolto finalmente la contestazione e di potersi lasciare questo brutto episodio alle spalle», ha dichiarato il suo rappresentante in un comunicato rilasciato alla CNN. «Ora potrà dedicarsi anima e corpo alla sua carriera e alla musica».