22 aprile 2021
Aggiornato 03:00
Cinema

Guerre Stellari capitolo sette nelle sale a dicembre 2015

Il creatore della celebre saga di fantascienza, George Lucas, sarà consulente creativo di questo nuovo capitolo e di almeno altri due episodi, che dovrebbero uscire ogni due o tre anni. J.J. Abrams il regista

NEW YORK - Tra poco più di due anni uscirà un nuovo capitolo della saga di Guerre Stellari: sarà il settimo episodio, ha annunciato il presidente degli Studios della Walt Disney, Alan Horn con un comunicato. La multinazionale cinematografica ha infatti annunciato la data ufficiale del debutto: il 18 dicembre 2015. Il creatore della celebre saga di fantascienza, George Lucas, sarà consulente creativo di questo nuovo capitolo e di almeno altri due episodi, che dovrebbero uscire ogni due o tre anni.

J.J. ABRAMS REGISTA - Lo scorso anno la Walt Disney Company ha rilevato la Lucasfilm Limited, società che detiene i diritti dell'opera lanciata di enorme iniziata nel 1977. E già allora era stata annunciata l'intenzione di riaprire la saga con nuovi episodi. La nuova pellicola sarà realizzata da J.J. Abrams, già direttore di «Star Trek» e «Mission: impossible III», con sceneggiature scritte dallo stesso Abrams assieme a Lawrence Kasdan. Quest'ultimo è un grade ritorno in quanto aveva già curato le sceneggiature degli episodi V e VI, rispettivamente «L'impero colpisce ancora» e «Il ritorno dello Jedi».
Da ricordare una particolarità di «Star Wars». I primi episodi usciti non sono stati nel normale ordine numerico, ma bensì sono cominciato con il IV, V e VI a partire dalla fine degli anni settanta. Molto più recenti invece i primi tre episodi, una sorta di «prequel» usciti nelle sale 1999 al 2005.

MOSTRA A MILANO - Dall'8 novembre al 7 febbraio il Museo del Manifesto Cinematografico di Milano ospita «Il Mito - da Guerre Stellari a Star Wars», mostra evento allestita grazie alle collezioni private più importanti d'Italia e alla presenza dei gruppi di figuranti «501st Legion» e «Rebel Legion». «Ci saranno molte iniziative a tema - spiega il curatore della mostra e direttore artistico del Museo, Enrico Ercole - ad esempio, corsi per bambini che vogliono imparare ad usare le spade laser». Perché il fenomeno italiano è come quello che vediamo sugli schermi delle sit-com americane: una sorta di rivalsa dell'orgoglio nerd.