23 ottobre 2019
Aggiornato 19:30
Aggiornamento de La Piccola Treccani

Nella Treccani entrano anche Nonno Libero, Cetto Laqualunque e Fantozzi

Mell'aggiornamento dell'enciclopedia per la famiglia pubblicato dal prestigioso Istituto Treccani compaiono voci sorprendenti. Nell'elenco ecco Antonio Albanese con il suo personaggio Cetto Laqualunque, Lino Banfi con Nonno Libero, Paolo Villaggio con Fantozzi

ROMA - Antonio Albanese entra nei due nuovi volumi di Aggiornamento de La Piccola Treccani da poco pubblicati. Attore e ultimamente anche regista e sceneggiatore, dopo un esordio come interprete comico, ha raggiunto la notorietà con prove drammatiche o velate di malinconia (Vesna va veloce, 1996) e ha offerto una splendida prova in La seconda notte di nozze (2005) di P. Avati, per la quale è stato candidato al David di Donatello. Tra le sue ultime interpretazioni Vincere (2008) di M. Bellocchio, Questioni di cuore (2009) di F. Archibugi e Qualunquemente di G. Manfredonia.

New entry anche Lino Banfi, pseudonimo di Pasquale Zagaria, il mitico nonno Libero della serie Tv Un medico in famiglia. «Formatosi nell'avanspettacolo - sottolinea la Treccani - venne notato da D. De Laurentis che lo volle sul grande schermo a metà degli anni Sessanta. È qui stato protagonista di film commerciali in cui ha utilizzato un linguaggio con parole e accenti dialettali, dimostrando in seguito, soprattutto in televisione, un'apprezzabile versatilità in ruoli diversi».

Paolo Villaggio - si legge in un comunicato Treccani - ha raggiunto il successo soprattutto per il suo istintivo talento di caratterista, che lo ha portato a inventare personaggi come Fantozzi, Fracchia e il prof. Kranz, rappresentazioni di un reale disagio sociale, nonostante la loro forte vena comica e grottesca. «La maggior parte della sua attività artistica si è svolta sotto la direzione di N. Parenti, S. Corrucci e L. Salce, che hanno collaborato anche alla creazione dei suoi personaggi, ma ha avuto modo di lavorare anche con registi come F. Fellini, M. Ferreri, N. Loy, M. Minicelli, E. Olmi».

Un posto d'onore nel Supplemento della Piccola Treccani anche per l'attrice e cabarettista Luciana Littizzetto. Diplomata in pianoforte al Conservatorio e laureata in lettere all'università di Torino, per alcuni anni ha insegnato alle scuole medie inferiori, studiando contemporaneamente recitazione. All'inizio degli anni Novanta ha esordito nel mondo del cabaret; la partecipazione alla trasmissione televisiva di Raitre Avanzi (1992) ne ha decretato il successo. Numerose da allora le apparizioni televisive (tra cui Mai dire gol e Che tempo che fa) e cinematografiche (tra cui Manuale d'amore e Maschi contro femmine); al suo attivo anche la pubblicazione di diversi volumi (Sola come un gambo di sedano, Rivergination e I dolori del giovane Walter).