13 dicembre 2019
Aggiornato 12:01

Antonacci nudo: a 47 anni mi sento finalmente libero

Il cantante posa per «Vanity Fair»: «Questa foto vuole essere soprattutto una provocazione»

ROMA - Alla vigilia dei suoi 47 anni, che compirà il 9 novembre, Biagi Antonacci decide di posare nudo. «A 47 anni mi sento finalmente libero. Libero di fare qualcosa che la gente da me non si aspetta. Nude in copertina di solito si vedono solo donne. E, quando sono uomini, si tratta sempre di attori o modelli. Un cantautore non si è mai spogliato», ha dichiarato l'artista milanese che posa sulla copertina di Vanity Fair, in edicola domani, in cui copre il suo nudo con il vinile del suo primo album, l'ellepì di 'Sono cose che capitano'. «Ben vengano le critiche. Mi diverte immaginare la faccia che la gente farà. Questa foto vuole essere soprattutto una provocazione: magari nei prossimi mesi qualche collega mi imita». Per spogliarsi bisogna avere il fisico. «Più che il fisico, la cultura: in Italia i cantautori passano per tipi cupi, ermetici, possibilmente disinteressati alla forma fisica. Fino ai quarant'anni, il corpo per me non esisteva. Mai fatti neppure cinque minuti di sport, sono molto pigro di natura». Ma compiuti i quarant'anni «ho iniziato a preoccuparmi per la salute».

Non ha fatto ricorso a nessuno aiutino «ma appena sentirò il bisogno di correre ai ripari per recuperare un pò di giovinezza, non mi farò nessun problema». «Sono assolutamente favorevole alla chirurgia estetica: se uno non si piace perché deve rinunciare a migliorarsi?», prosegue il cantautore che è anche a favore dei padri anziani. Biagio Antonacci, 16 album, il 23 novembre pubblica la versione deluxe del suo ultimo 'Inaspettata', con un inedito sul Natale.