26 agosto 2019
Aggiornato 06:30
A Sanremo non all'Ariston ma in tour

D'Addario: se tornassi indietro farei le stesse cose

La ex escort barese: «Ma ora voglio tornare a fare l'artista»

SANREMO - «Se tornassi indietro farei le stesse cose che ho fatto, direi la verità. Ma ora voglio pensare solo a cantare». Lungo vestito turchese e giacchetta nera, Patrizia D'Addario sorride ai giornalisti del Palafiori, dove le radio la attendono per intervistarla. C'è anche la ex-escort barese a Sanremo, non all'Ariston ma in tour, intenta a promuovere il singolo del suo primo cd che uscirà a maggio.

«Ho avuto un'accoglienza favolosa dalla gente e ne sono felice - spiega entusiasta - e se qualcuno mi chiede di ripensare alle polemiche che mi avevano vista coinvolta rispondo che penso alla gente che vedo qui. Per me è molto importante». «Le polemiche ci sono sempre - commenta la ex escort protagonista degli scandali a palazzo Grazioli - ed è giusto che ci siano ma io rispondo a tutti con un sorriso. Non porto rancore nei confronti di nessuno, è stata anche quella passata un'esperienza che ho vissuto».

«Ma io - ribadisce la D'Addario - sono un'artista e voglio tornare a fare quello che ho sempre fatto. Ho iniziato a fare l'artista da quando avevo 15 anni, ho anche fatto l'illusionista, ho cantato, ho presentato. Ora voglio continuare. E poi ho il mio residence da finire, per me quella resta una cosa molto importante». Quando le chiedono se vorrebbe partecipare alla trasmissione Very Victoria, lei risponde: «Certo, mi piacerebbe essere ospite ma come artista, solo se devo parlare come artista». Sul tormentone Morgan che sta infuocando le polemiche festivaliere, la D'Addario commenta: «Sono contro ogni tipo di droga, e contro ogni tipo di violenza. Non uso nessun tipo di droga, non fumo neanche le sigarette e non faccio uso di alcool».