31 maggio 2020
Aggiornato 05:00
Doppietta di vittorie assolute per il suo team, l'italiana Prema

Mick Schumacher impara in fretta le piste cittadine: due podi tra i debuttanti

Nel Gran Premio di Pau, il figlio del grande Michael ha affrontato per la prima volta la sfida di un tracciato stradale. E se l'è cavata egregiamente, chiudendo in entrambe le manche della domenica nei primi tre posti della classifica riservata agli esordienti nel campionato europeo di Formula 3

PAU – Mick Schumacher ha concluso al meglio il suo weekend di apprendistato sui circuiti cittadini con due piazzamenti sul podio riservato ai debuttanti nella domenica del Gran Premio di Pau, che ha visto protagonisti i piloti del campionato europeo di Formula 3. «Correre a Pau è stato fantastico – sorride il figlio del grande Michael – La pista è veramente affascinante e questo appuntamento mi ha dato la possibilità di fare esperienza per il futuro. Oggi abbiamo conquistato altri due podi tra i rookie e abbiamo fatto del nostro meglio. Non vedo l’ora di tornare in pista per il prossimo round di campionato in programma a metà giugno a Budapest».

I suoi compagni di squadra sul podio
Giornata da incorniciare anche quella del team vicentino Prema. Partito due volte dalla prima fila, Maximilian Günther ha centrato uno splendido doppio successo, vincendo gara-2 e gara-3 assicurandosi anche un posto nell’albo d’oro del Grand Prix francese. Il diciannovenne tedesco ha corso in modo efficace e ragionato, dominando la seconda corsa prima di prendere definitivamente il controllo della terza grazie all’errore di un avversario. Attualmente è terzo in classifica a due punti dalla vetta, mentre il team Prema continua a comandare con ampio margine la graduatoria a squadre. «È fantastico poter dire di aver vinto il Grand Prix di Pau. In gara-2 ho avuto una buona partenza, lottando poi con Lando nei primi passaggi – racconta il vincitore – Sono riuscito a stargli davanti e nel resto della corsa ho aumentato il vantaggio controllando la situazione. In gara-3 il passo non era buono come avremmo voluto anche perché le gomme hanno avuto un calo, e per questo mi sono installato al secondo posto. Norris davanti a me spingeva moltissimo prendendo tanti rischi, così ho deciso di mantenere il mio passo e guidare in sicurezza. Alla fine ha rotto una sospensione, finendo a muro, così ho preso il comando andando a vincere. In termini di campionato, è il miglior risultato possibile per noi. Sono entusiasta di questo weekend e ringrazio tutto il team Prema». Dopo una prima gara segnata da un contatto con le barriere nelle prime fasi, Callum Ilott si è assicurato due piazzamenti a podio rispettivamente al terzo e secondo posto, recuperando una situazione difficile e guadagnando punti preziosi considerando i colpi di scena tipici della serie. «In gara-2 ho fatto una buona partenza ma non ho trovato il giusto spazio perché le vetture davanti a me erano affiancate, cosa che mi ha costretto ad accodarmi – spiega Ilott – Nei primi giri è stato difficile scaldare le gomme e mi sono dovuto difendere da Eriksson, ma poi ho recuperato sui primi. Quando Joel è finito a muro, sono stato più prudente perché il vantaggio sulla vettura che seguiva era molto grande e non c’era bisogno di rischiare. In gara-3 non c’è stato nuovamente spazio per passare al via. Sono restato al terzo posto per buona parte della corsa senza vere possibilità di migliorare la posizione. Ho badato a tenere dietro gli avversari, poi è arrivato l’errore di Lando che ci ha dato il primo ed il secondo posto. Un grande risultato per il team».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal