11 luglio 2020
Aggiornato 03:30
Juventus. Champions League

Ferrara e la «prima» europea: vietato steccare

Il tecnico avverte: «Ogni esordio ha sempre risvolti pericolosi»

TORINO - Come ogni 'prima' l'esordio in Champions League nasconde delle insidie e Ciro Ferrara, domani a Torino contro il Bordeaux, esige massima attenzione dalla sua Juventus: perché in Europa i passi falsi sono proibiti. «E' un debutto e ci sono tante cose nuove in questo inizio», ha detto l'allenatore oggi in conferenza stampa al centro sportivo di Vinovo.

Massima concentrazione - «E' una partita particolare - ha affermato Ferrara, «la preparazione è la stessa, la concentrazione deve essere massima, l'attenzione dovrà essere costante. Cosa cambia? Il campionato è molto più lungo e permette qualche battuta d'arresto, in Champions questo non te lo puoi permettere. In Champions abbiamo necessità di passare il turno, in questo momento questo è il nostro obiettivo e per farlo non dobbiamo commettere errori e lasciare per strada punti preziosi».

Bordeaux «pericoloso» - La cautela di Ferrara è dettata anche dal rendimento del Bordeaux. «I risultati di questi ultimi periodi parlano a favore della squadra e dell'allenatore Blanc», ha detto l'allenatore della Juventus, «oltre ad essere campioni di Francia sono imbattuti da 15 o 16 partite, questo deve farci riflettere. Sappiamo che domani non potrà essere una partita normale, perché è la prima di Champions e le prime hanno sempre risvolti pericolosi. Affrontiamo una squadra che nel nostro gruppo è la più pericolosa, ci teniamo a fare bene».