28 gennaio 2020
Aggiornato 00:30
Calcio. Euro U-21

Casiraghi: «Ora ogni partita è una finale»

Ct avverte gli azzurrini: «Con il Lussemburgo obbligatorio vincere»

NOVARA - «Da qui in poi le gare sono tutte finali». Pierluigi Casiraghi non lascia spazio ad altri errori e dopo la sconfitta patita lo scorso venerdì a Swansea con il Galles ordina alla nazionale azzurra Under 21 un cammino privo di ulteriori battute d'arresto verso la qualificazione agli Europei di categoria.

«Non c'è dubbio - afferma Casiraghi dal sito della Figc - che adesso dobbiamo rincorrere. Da qui in poi le gare sono tutte finali e, passo dopo passo, dobbiamo costruire il nostro castello: la prima pietra va messa vincendo contro il Lussemburgo, senza possibilità di altro risultato».

Poi, parlando della sconfitta patita nella trasferta britannica, i punti da cui ripartire. «Ho rivisto la gara contro il Galles - dice il Ct - e ho trovato alcune cose buone: ripartiamo dalle certezze come l'ossatura del gruppo, l'intensità e la voglia che è stata messa in campo a Swansea, evitando errori individuali o disattenzioni dell'intero reparto. L'handicap da colmare è senza dubbio il fatto che questa squadra ha giocato pochissimo insieme, quindi il problema è che devo comunque sperimentare qualcosa di nuovo ed arrivare al tempo stesso a fare risultato, anche se è rischioso».

Gettando lo sguardo all'avversario di domani (si gioca a Novara) Casiraghi ha dipinto il Lussemburgo come una squadra che per «impostazione e tipo di gioco assomiglia molto alle Far Oer incontrate nel precedente biennio»: «E' una squadra che si scopre raramente e si fa fatica a trovare gli spazi: quindi bisognerà avere pazienza se non troviamo subito il gol. E`la classica partita in cui hai tanto da perdere e poco da guadagnare. Balotelli? secondo me ha disputato una buona gara in Galles, sono contento di come si è impegnato, di come ha attirato due-tre uomini sempre su di se lasciando così più libertà di movimento a Paloschi, adesso deve solo migliorare in fase di finalizzazione».