27 maggio 2024
Aggiornato 02:00

Azzurri a Coverciano. Pazzini: Sono qui con grande entusiasmo

Riflettori sui tre volti nuovi, Bocchetti, Motta e Pazzini, arrivati dall’Under 21

ROMA - Primo giorno di raduno per la Nazionale a Coverciano. Riflettori sui tre volti nuovi, Bocchetti, Motta e Pazzini, arrivati dall’Under 21. Un sogno che si avvera, un traguardo insperato: questo è il leit-motiv dei tre giocatori.
«Se sono qui – spiega il giallorosso Motta - devo dire grazie alla Roma. Totti mi ha dato dei consigli importanti e mi ha detto che la Nazionale è una cosa unica».

Ha il sorriso tipico delle grandi occasioni Pazzini, che si è guadagnato sul campo, undici gol in dodici partite, una chiamata in Nazionale. «Essere qui è un sogno che si realizza- ha detto l'attaccante dal ritiro di Coverciano - una fantastica sensazione. Mi sento un giocatore ritrovato, importante per la mia squadra. Una dedica? A me, ai miei sogni. Arrivo con grande entusiasmo».

Bocchetti, assieme a Pazzini e Motta, è uno dei tre debuttanti dell'era Lippi: «Fare colazione assieme ai campioni del Mondo è stata una sensazione fantastica. Essere qui è speciale- ha detto il difensore del Genoa – perché sono giovane e al primo anno in serie A. Forse ho spiazzato un po' tutti. Ma se sono arrivato in Nazionale, il merito è soprattutto del mio club, che sta giocando una stagione incredibile. In ogni caso mi trovo a mio agio anche perchè questa è una Nazionale che parla molto napoletano».

Mattinata tra palestra e campo per gli azzurri, che hanno iniziato a lavorare in vista del doppio impegno di qualificazione ai prossimi Mondiali. Tutti a disposizione di Lippi i 23 convocati, che si alleneranno anche oggi pomeriggio.