30 ottobre 2020
Aggiornato 02:30
Qualificazioni Europeo 2009

Basket: Finlandia - Italia 62-69

E' stata una vittoria corale, dove per dirla con Recalcati, l'Italia è riuscita a nascondere i propri difetti e a far venire fuori i propri pregi

L'Italia vince ad Helsinki una vera e propria battaglia. Batte la Finlandia 69-62 e guarda con fiducia al prossimo incontro di mercoledì 17 settembre a Torino con la Bulgaria, ultima gara del girone di qualificazione all'Europeo 2009.
E' stata una vittoria corale, dove per dirla con Recalcati, l'Italia è riuscita a nascondere i propri difetti e a far venire fuori i propri pregi, lottando, insistendo con tenacia, superando i momenti di difficoltà che ci sono stati nell'ultimo quarto quando la Finlandia è arrivata a fino a meno tre (62-65) a 18 secondi dalla fine. Materialmente, sul fallo sistematico finlandese, Marco Mordente ha segnato gli ultimi 4 tiri liberi consecutivi, che hanno consegnato la vittoria all'Italia, in pratica tutta la squadra era li pronta.

«Andiamo a giocare a Torino con l'intenzione di vincere davanti al pubblico italiano. La gara con la Bulgaria sarà difficile, ma vogliamo chiudere queste qualificazioni vincendo. Proveremo a riprenderci il secondo posto del girone-commenta Carlo Recalcati-ct azzurro a fine gara- ma solo a fine gara faremo i conti per vedere se basta per la qualificazione. Per il momento ci teniamo questa bella vittoria dove tutti, anche chi è entrato per pochi minuti, hanno dato un contributo positivo. Ho visto intensità, abnegazione, impegno. Certo c'erano già stati questi atteggiamenti positivi, ma non abbiamo vinto. Questa volta l'abbiamo fatto e bene».

Incredibile a dirsi ma è stata una gara fotocopia di quella dell'andata a Chieti dello scorso 27 agosto. Italia sempre avanti e Finlandia ad inseguire senza però mai il break decisivo. L'Italia allunga, ma al terzo fallo di Massimo Bulleri al 15' è come se si fermasse. Avverte il contraccolpo per l'uscita di Bullo. L'Italia gira a vuoto per quattro azioni, la Finlandia recupera fino a 29-34, prima di trovare nuovi equilibri con la triple di Valerio Amoroso e Matteo Soragna.
Bulleri, prima del terzo fallo, ha guidato l'Italia nell'aggredire la Finlandia, costringendola a giocare fuori dai suoi soliti moduli, con i nostri centri, Cittadini e Crosariol, protagonisti in attacco come in difesa. Matteo Soragna e Marco Mordente hanno dato concretezza e serenità sia alla difesa sia all'attacco, limitando il potenziale finlandese.
Un unico neo, per gli Azzurri, i troppi rimbalzi offensivi concessi ai finlandesi (nove nei primi 20 minuti, ventidue a fine gara) che gli hanno dato troppi secondi tiri impedendo all'Italia di prendere un maggiore vantaggio (all'intervallo 33-41).
L'Italia allunga con fatica (37-49 al 29'), ma la Finlandia è sempre li: con otto punti di Muurinen si riporta sotto (45-51) approfittando di ingenuità azzurre, ed inizia un vero e proprio corpo a corpo in campo: «Per vincere abbiamo messo dentro tutto, anche la nostra esperienza -spiega Marco Mordente- volevamo a tutti i costi questa vittoria. E' la prima volta che vinciamo fuori casa e siamo contenti». La Finlandia trova in Muurinen l'uomo che guida l'assalto (24 punti alla fine per lui), mentre l'Italia ripropone più volte, tatticamente la difesa a zona e fa la cosa giusta, mentre Mordente, Soragna e Bulleri danno certezze offensive facendo saltare la difesa a zona finlandese.
Finale al fotofinish (62-65 a 18 secondi dalla fine). Mordente sulla rimessa si fionda in attacco. Fallo antisportivo di Huff e Mordente va in lunetta per il primo dei quattro liberi che danno la vittoria all'Italia.

Domani domenica 14 settembre l'Italia rientra in Italia con l'aereo delle 16,05 per Malpensa e si trasferisce direttamente a Torino dove mercoledì 17 giocherà contro la Bulgaria alle 20.00 (diretta Rai Sport Più).

Finlandia-Italia 62-69 (16-25, 33-41, 45-51)
Finlandia: Koponen 10 (3/5, 0/5), Kotti 7 (2/3), Huff 11 (2/3, 1/7), Matinen 5 (1/8 da 3), Mottola 2 (0/4, 0/3); Muurinen 24 (6/12, 1/3), Ulander, Nikkila (0/1), Lehtoranta, Virtanen (0/1 da 3), Iisalo 3 (1/3 da 3), Sten. All.: Dettmann.
Italia: Bulleri 11 (1/2, 2/2), Mordente 17 (2/3, 3/8), Soragna 18 (1/7, 5/7), Amoroso 3 (0/4, 1/1), Cittadini 7 (3/6); Giachetti (0/3), Mancinelli, Poeta 5 (1/2, 0/1), Infante (0/1 da 3), Crosariol 6 (3/4), Cavaliero 2 (1/1), Cinciarini (0/1, 0/1). All.. Recalcati.
ARBITRI: Garcia Gonzalez (Spa), Lucis (Let), Herbertsson (Isl).
NOTE - T.l.: Fin 24/28, Ita 12/18. Rimb.: Fin 46 (Muurinen, Kotti 11), Ita 29 (Cittadini 7). Ass.: Fin 4 (Koponen 2), Ita 5 (Giachetti 2).
Progr.: 5’ 9-12, 15’ 26-34, 25’ 35-43, 35.
5falli: Cittadini 39’31» (59-65). Falli antisportivo: Huff 39’48» (62-65). Spett. 2764.