17 agosto 2019
Aggiornato 15:00
Esercizi per i glutei

Rassodare i glutei con 3 (semplici) esercizi

I consigli del Personal Trainer a DWeb Salute per rassodare i glutei in pochi minuti al giorno

http://rrr.sz.xlcdn.com/?account=diariodelweb&file=salute%2F20151210_salute_rassodare_glutei.mp4&type=streaming&service=wowza&output=smil

ROMA – Rassodare i glutei non è solo fondamentale per una questione estetica, ma è importante anche per avere una buona postura. Ecco i consigli del Personal Trainer Alessandro Bovaro per rassodarli con tre sfida semplici esercizi da fare comodamente anche a casa.

Il primo esercizio per rassodare i glutei
Il primo esercizio consigliato dal PT è «fondo indietro». Si posizionano le mani «in appoggio su una superficie stabile andiamo a effettuare un passo indietro tenendo il peso sulla gamba davanti. Si piega poi la gamba creando un angolo di 90° fra la coscia e il ginocchio. Poi si spinge sempre con la gamba che rimane ferma. La gamba dietro ha solo la funzione di equilibrio», spiega Alessandro Bovaro, dottore in scienze motorie e personal trainer di Torino.

Rassodare i glutei in posizione supina
Il secondo esercizio si esegue a terra, su un tappetino «si mettono le braccia lungo i fianchi, con le spalle perfettamente rilassate, si effettua una flessione delle gambe e da questa posizione si sollevano lentamente i glutei mantenendoli in contrazione per qualche secondo. Dopo di che, si scende giù lentamente: nella fase di discesa si inspira, mentre in quella di salita si espira».

Ultimo esercizio per rassodare i glutei in posizione prona
Altro esercizio, sempre estremamente facile anche da fare in casa, da eseguire in posizione prona. «Bisogna metterle le mani sotto la fronte per migliorare le posizione della testa. Si utilizza una palla morbida da ginnastica o, in sostituzione, un cuscino. Si poggia la palla tra le due caviglie, si stringono i piedi contro la pallina e contemporaneamente si sollevano le gambe tese. Poi si sollevano le ginocchia dal pavimento, si butta fuori l’aria e poi si torna con le gambe a terra». La posizione va mantenuta per alcuni secondi.